Cerca

Clown in corsia per bimbi

La Carfagna stanzia 2 milioni

Clown in corsia per bimbi
Hunter "Patch" Adams è il medico statunitense ideatore della terapia del sorriso, anche nota come clownterapia. Ed è proprio su questo tipo di terapia, indirizzata prevalentemente ai bambini ammalati e ricoverati in ospedale, che ilministro delle Pari opportunita Mara Carfagna ha deciso di puntare, investendo due milioni di euro per finanziare l'iniziativa. L'avviso per il sostegno dei progetti è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale alla vigilia di Natale. Delle risorse - attinte dal Fondo per le politiche ai diritti e le pari opportunità - potranno usufruire associazioni del terzo settore impegnate in attività di 'clowneria'. "Obiettivo è stimolare la parte sana della persona, ironizzando sulle pratiche mediche", ha spiegato il ministro, "così da accelerare il processo di guarigione. Il clown dottore non fa animazione, ma opera un cambiamento terapeutico usando la 'clowneria', la magia, il gioco comico o poetico, come metafora terapeutica per far scaturire l'energia vitale del ridere come emozione-sfondo e stato alterato di coscienza".
È infatti provato, sostiene ancora la CArfagna, che "l'impatto positivo delle tecniche di animazione comica utilizzate dai clown rendono i pazienti protagonisti attivi nella costruzione della propria gioia e serenità e consentono agli ammalati di affrontare con maggiore efficacia situazioni di malessere, di ridimensionare ansie e paure e di trasformare in senso positivo anche le emozioni negative".
Oltre ai progetti di clown terapia in ospedale saranno finanziati anche i corsi di formazione in materia. Per la presentazione delle domande per accedere ai fondi c'è tempo fino al primo febbraio. Per informazioni: www.pariopportunita.gov.it.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gasparotto

    03 Gennaio 2009 - 17:05

    Conosco gli ospedali come le mie tasche,caro liberotf e non è come fare il bancario e contar moneta, avendoci lavorato per circa 43 anni, da mane a sera,nei giorni di festa e non, a Natale e Pasqua ed avendo dato per essi quanto di fibra e d'anima; altro che risate caro mio! Un conto essere oberato da gravose responsabilità ed avere la fibrillazione nello sfintere anale, quando ci si trova in corsia, soli, con poco personale mal preparato, senza posti letto,con gente che sta per esalare l'ultimo respiro e tu non puoi più fare niente e non hai i mezzi necessari. Conosco le necessità degli opedali, le loro carenze, ho avuto anche posti di grande responsabilità e non ero padrone nemmeno di ordinare l'acquisto di una siringa.Solo responsabilità e se denunciavo le carenze con lettere ben dettagliate a chi di dovere, nessuno ti ascoltava. Mettici anche la magistartura sempre vigile e pronta al minimo errore ad inforcarti con annessa stampa. E la mia rabbia sale quando sento che vengono stanziati milioni per delle "fesserie"(io le ritengo tali di fronte alle tante necessità), mentre tante cose serie passano in cavalleria.In ospedale c'è bisogno di gente che accudisca i malati, li lavi , gli porti la padella e gli cambi il pannolone o pannolino che dir si voglia, li lavi , li pettini gli cambi le lenzuola, li curi con mezzi di ogni genere e grado.. E per fare questo ci vuole forza lavoro di portantini, OTA, medici e chi più ne ha più ne metta. Alla fine ci andrebbe anche il clown, nei giorni di festa e di guarigione, per farsi una sonora risata, ma alla fine. Non le pare liberotf? Ed io so, che da tempo gli organici non vengono rinnovati, chi va in pensione non viene sostituito sia medici che infermieri e chi viene assunto lo è in Co.co.co., a tempo determinato e so anche che medici con tanto di specializzazione ed anni ed anni di studi e sacrifici percepisce appena 1600 euro al mese e per colmo di sventura deve anche ritenersi fortunato. E lo stato che fa, pensa ai clown. La solita demagogia 'taliana. Te salud!

    Report

    Rispondi

  • politicfun

    03 Gennaio 2009 - 16:04

    guarda liberotf ke nn a tutti piacciono i clown. e l'allegria ke pensi diffondano sparsce appena se ne vanno. e sicuramente nn possiamo pensare di lasciare un pagliaccio tutto il giorno in una stanza dove la gente vive un dramma.

    Report

    Rispondi

  • liberotf

    03 Gennaio 2009 - 11:11

    Sono un clown di corsia in arte "clownGranito", bancario di professione, che ha svolto questa attivita' per diversi anni con i "VIPVIVIAMOINPOSITIVO" (WWW.CLOWNTERAPIA.IT), un'ottima associazione sviluppata in tutta Italia e guidata dal "Clown Aureola", mia prima insegnante. Caro Gasparotto io ritengo valida l'iniziativa, i pagliacci che tu consideri niente, in realtà portano il sorriso a gente malata, se facessi un giretto in qualche ospedale oncologico per bambini forse capiresti cosa vuol dire portare un sorriso ma dalle tue parole traspare molta tristezza, forse avresti anche tu bisogno di un clown... PRIMA DI SPARLARE PROVATE... Brava Mara, ottima iniziativa, togliamo qualche milione ai partiti e facciamo queste cose!!

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    02 Gennaio 2009 - 19:07

    Bene, bene, nelle corsie ospedaliere, ridotte ai minimi termini per carenza di medici e personale, ci mancavano solo i pagliacci.A pensare che c'è gente che appoggia in maniera entusiastica l'iniziativa, una americanata a tutto tondo. Meglio sarebbe stato chiamare un po' di medici ed infermieri a rinforzare gli organici e non i clown del circo equestre a finire di incasinare le corsie. Vabbè mettiamolo a risata, va'!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog