Cerca

Pescara, D'Alfonso

revoca le dimissioni da sindaco

Pescara, D'Alfonso

Nuova svolta nel caso di tangenti a Pescara. Il sindaco della città abruzzese, Luciano D’Alfonso, ha ritirato le proprie dimissioni annunciate dopo essere stato inquisito, avvalendosi dell’articolo 53 del Testo Unico degli Enti locali, che riguarda l’impedimento a svolgere le funzioni per malattia, affidando la gestione del Comune al vice sindaco, Camillo D’Angelo. Un’operazione per evitare il commissariamento del Comune e che, in questo modo, potrebbe rinviate a non prima del 2010 le elezioni nel capoluogo abruzzese. Le dimissioni da primo cittadino e da segretario regionale del Pd di D’Alfonso erano giunto lo scorso 16 dicembre, il giorno essere stato sottoposto agli arresti domiciliari per il caso che lo vede coinvolto. Alla vigilia di Natale il gip di Pescara aveva disposto la revoca degli arresti domiciliari.
Il richiamo all’articolo 53 che prevede un impedimento a svolgere le funzioni amministrative, giustificato da D’Alfonso con un certificato medico per sei mesi, consente alla Giunta di restare in carica sotto la guida del vice D’Angelo. Se entro le mezzanotte D’Alfonso non avesse ritirato le dimissioni, inevitabile sarebbe stato il commissariamento del Comune di Pescara. Dura le reazione degli esponenti dell’opposizione. Luigi Albore Moscia, leader del Popolo della libertà, ha dichiarato che queste “sono cose che mortificano la democrazia, sono cose che non accadevano neanche in Nicaragua negli anni ‘70”.
“A questo punto l’amministrazione comunale continuerà la propria attività”, ha confermato Camillo D’Angelo al termine della seduta comunale convocata dopo l’annuncio della revoca delle dimissioni di D’Alfonso. “Il sindaco – ha proseguito – si autosospende e questa autosospensione è permanente, in quanto non si conosce il tempo che sarà necessario per migliorare le sue condizioni fisiche”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • CONDULMARI

    07 Gennaio 2009 - 10:10

    Così come un avviso di garanzia ed una richiesta di custodia cautelare non provano nulla sulla colpevolezza di un indagato, che è innocente fino a prova contraria "al di là di ogni ragionevole dubbio", un ripensamento dei giudici sui provvedimenti da prendere non assolve in via definitiva. Darsi malati per evitare dimissioni e quindi elezioni anticipate è un'azione da "furbetti del quartierino". in USA, Bill Richardson nominato da Obama futuro Ministro del Commercio, ha semplicemente rinunciato all'incarico perché sotto inchiesta.Punto.

    Report

    Rispondi

  • ottina

    05 Gennaio 2009 - 18:06

    Anni fa d'alema auspicava un paese normale ora che tocca loro non più. Se fossimo davvero un paese normale il sindaco, ex, boh, di Pescara avrebbe già dovuto ricevere una visita fiscale visto che il suo medico gli ha fatto una dignosi di sei mesi (?) e se trovato normalmente sano come penso sia, questi avrebe dovuto essere, seduta stante radiato dall'albo dei medici vista la palese falsità che ha dichiarato!!!

    Report

    Rispondi

  • gedeonelibero.it

    05 Gennaio 2009 - 16:04

    Bene! Ora vedremo se la Magistratura, se la Giustizia è una cosa seria in questo Paese. Procuratore Trifuoggi, GIP e Magistrati vari: Se ci siete battete un colpo.

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    05 Gennaio 2009 - 14:02

    La paura di perdere altra città fa novanta! Weltromarx ce la mette tutto di fare la figura di munnezza! Prima a Napoli e Regione, poi a Ugento per discarica a quattro passi da casa D Alema, ora Pescara: per correttezza non sarebbe stato meglio ed opportuno andare a votare e i cittadini arbitro?vincenzoaliasilcontadino@gmail.com MATERA

    Report

    Rispondi

blog