Cerca

Silvio non va da Obama

"Io non sono una comparsa"

Silvio non va da Obama
"Sono un protagonista, non una semplice comparsa. Per questo non andrò alla cerimonia di insediamento di Obama". Scherza così, come è nella sua natura, il premier Silvio Berlusconi, parlando del nuovo presidente degli Stati Uniti e del suo ingresso ufficiale alla Casa Bianca, che avverrà il 20 gennaio prossimo. "Non sono andato neppure a quello di Bush", dice il Cavaliere, che tuttavia sta già "scrivendo una lettera di auguri" al neo presidente eletto degli Usa.
E a proposito della 'Obama-mania' Berlusconi spiega: "Era sbagliato osannare Obama prima almeno quanto lo è essere preoccupati adesso. È chiaro che è così: era sbagliato prima ed è sbagliato adesso avere troppe preoccupazioni". La sua squadra, dice il premier, è "affidabile e io gli faccio veramente tutti gli auguri più di cuore che posso, che possa veramente fare bene".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piero1939

    19 Gennaio 2009 - 16:04

    vorrei vedere obama a governare l'italia. ho molti dubbi della durata del suo mandato ipotetico. berlusca ha le p....lle con bossi fini e gli hollenzoller sinistra sinistri valori estremisti musslim ed invasati e soprattutto che prima di muovere un dito deve fare i conti con tutte le correnti alternate e continue altro che america il casino e' qui e qui non c'e' nessuno che duri fino ad ora duro che duri, dopo il duce, c'e' stato solo berlusca. che fadiga!!!!!

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    16 Gennaio 2009 - 20:08

    L Obamania ha offuscato le menti ora abbiamo i fatti cosa farà Barak Obama lo vedremo: inizio deludente verso Quantanamo, capisco i soloni, ma è ineluttabile che quella fobia di essere sempre pronti di porgere l altra guancia al nemico che sono dei mostri non esseri umani di avere attenuati e privilegi: Un CAPO deve avere rispetto di quelle migliaia di morti e milioni di cittadini che li rappresenta. Certo si può contestare non a torto che Obama è stato eletto con una maggioranza schiacciante, ma dovete dirmi per cosa: patriota o un guru di qualcosa? Ovvero, cosa ha fatto prima Obama per meritarlo, se non una battaglia con milioni di dollari? Ora lasciatemi riflettere manterrà impegni con una squadra eccellente in suo aiuto? Credo che riuscirà ma smetterla contestare Bush J. Che ha fatto tutto come un buon padre: ora il nuovo Presidente non deluda quei milioni d Americani che con vera paura non fobia non voglio un terrorista vicino di casa. vincenzoaliasilcontadino@gmail.com Matera

    Report

    Rispondi

  • lantisilvio

    16 Gennaio 2009 - 11:11

    Solo chi è piccolo non può vedere oltre l'oscurantismo messo in atto dal padre di Pier Silvio. Stiamo per vivere un momento importantissimo per la storia del mondo. Forse il nostro Presidente del Consiglio non rappresenterà l'Italia alla nomina del Presidente USA perchè impegnato nella campagna elettorale per il Governatore della Sardegna? Soru sovrasta Berlusconi non solo per la sua statura fisica ma spt nello spessore dei valori umani. In Sardegna non ci serve la politica in Franchising dEL Presidente del Consiglio.

    Report

    Rispondi

  • babybaffy

    14 Gennaio 2009 - 19:07

    Mi auguro che l'Imperatore nero dopo l'incoronazione del 20 non prenda una scoppola come capitò a Bush l'11 settembre ! non so proprio se l'opinione pubblica Americana,già ora contraria secondo gli ultimi sondaggi,accetterebbe la liberazione di 250 delinquenti terroristi ! Io un'idea l'avrei, i 250 terroristi li manderei a sminare le migliaia di bombe ancora inesplose in Afganistan e Iran e a chi riesce a sopravvivere gli concederei l'ergastolo in una di quelle belle prigioni nel sud degli USA famose per la loro clientela molto chic, altro che Guantànamo e il tappetino per pregare !! Che vadano al diavolo.......!! ramen

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog