Cerca

Domiciliari allo stupratore

Silvio: "30 mila soldati in città"

Domiciliari allo stupratore
Sulla sicurezza non si scherza. Parola di Silvio Berlusconi che, intervenendo dopo gli stupri di Roma e Guidonia, annuncia "più soldati in città". Ne servono almeno 30mila, ha detto il premier, il quale ha poi sottolineato che "c'è una proposta del ministro Maroni condivisa dal ministro La Russa per aumentare di 10 volte il numero dei militari che, invece di essere un esercito che fa la guardia nei confronti del deserto dei Tartari, sarà utilizzato per combattere l'esercito del male cioè la criminalità diffusa.
Commentandogli ultimi fatti di violenza sessuale accaduti nella capitale, il Cavaliere spiega che non possono essere imputati alla sicurezza: "Io so che sono invece calati tutti i reati più importanti, i reati di strada. So che i cittadini hanno molto apprezzato l'utilizzo di 3 mila militari in aiuto alle forze dell'ordine". Da qui l'idea maturata dallo stesso premier e condivisa dal ministro dell'Interno Roberto Maroni e da quello della Difesa Ignazio La Russa di aumentare i soldati in città.
E proprio a proposito dello stupro di Capodanno a Roma, è stato posto agli arresti domiciliari il 22enne che ha stuprato una coetanea durante la festa organizzata alla Fiera di Roma e che venerdì ha confessato di essere il responsabile della violenza sessuale. Alla base della decisione di scarcerare il giovane ci sarebbero la sua buona condotta giudiziaria e il contributo dato agli inquirenti dopo il suo fermo. Durante l'interrogatorio di sabato a Regina Coeli, D.F. , accusato di violenza sessuale aggravata, ha ribadito di avere agito sotto l'effetto di alcol e droga. Dopo aver chiesto perdono, ha sottolineato di nuovo di non sapersi spiegare come possa aver avuto un comportamento così violento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mirella62

    31 Gennaio 2009 - 12:12

    io sono stata violentata daun controllore del treno nel pieno delel sue funzioni ho deciso di denunciare ma...... mi domando se ho fatto bene..... sono due anni che a latina c'e' il mio fascicolo e poi e stato incriminato per violenza sessuale or da ottobre si aspetta che un altro giudice firmi per cominciare il processo e non ti racconto le mie paure sarebe lunghissima .... ora midomando ma ho fatto bene? forse potevo òlasciar stare e tornarmene a casa a leccarmi le mie ferite e non subire anche i costi dell'avvocato........e l'uniliazione di dover ripetere la mia storia

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    26 Gennaio 2009 - 12:12

    C'è un'aria strana alla camera ed al senato. Appena arrivano gli eletti della maggioranza di governo, dimenticano tutte le promesse fatte ai milioni di italiani che li hanno votati , appoggiano le loro riverite chiappe al cadreghino, godono dei tanti privilegi che si sono approvati e votati all'unanimità, e paghi dimenticano tutto ciò che promisero allor al popolo bue. Sulla sicurezza, su cui la destra al governo fece una campagna martellante, sull'immigrazione,sulla riduzione delle tasse etc etc. A dire il vero solo Berlusconi si è impegnato e continua a farlo pr mantenere le promesse e non rimetterci la faccia, lui imprenditore di successo prestato alla politica. Gli altri ,anche di sua parte, politici da una vita, a fregarsene o a remare contro, compresa la lega che amoreggia persino con Veltroni a mo' di quelle troie, pur di ottenere il tanto agognato federalismo. La sinistra veltroniana e non , poi non ne parliamo. Berlusconi dice bastoni, per loro è coppe o danari. Berlusconi allora dice danari, per loro è spada e così di seguito. L'importante è contraddirlo sempre. Ora è noto a tutti che la criminalità ha ripreso vigore, ringalluzzita dalle blande sentenze della nostra magistratura perdonista e progressista, tanto che sono all'ordine del giorno rapine, assassinii, violenze, scippi, e soprattutto stupri. Bande di vagabondi soprattutto rumeni, attaccano giovani donne sole ed indifese e le stuprano a turno anche in 5 o in dieci. Berlusconi propone di incrementare la sorveglianza utilizzando soldati delle forze armate e la sinistra che dice? Rimedio inutile! Avete capito? Avesse proposto almeno il taglio del pene come contropoposta invece cosa ha detto Veltroni? Bisogna potenziare i mezzi delle forze dell'ordine, senza dire quali mezzi e come agire con i nuovi mezzi. Insomma l'ha sparata come gli veniva pur di contraddire Berlusconi. A volte mi chiedo chi è stato a costruire questo clima e questa cultura. Io lo so: furono i comunisti con le loro riforme volute a tutti i costi, cito per tutte la legge Gozzini, furono le bande sessantottine che predicarono la disubbidienza civile,furono e sono coloro che vogliono si applichi il vangelo con il suo perdonismo, anzichè la galera e la giusta pena come vuole il codice penale. E gli eredi di costoro continuano a massacrare la nazione con le loro idee utopistiche e con le loro false ideologie. E sarà sempre peggio se la parte ancora sana della nazione non reagirà, ma resterà rinchiusa a criticare tra 4 mura.

    Report

    Rispondi

  • Indietrotutta

    26 Gennaio 2009 - 12:12

    ancora per poco. Il pericolo stupro verrà presto risolto con l'assegnazione di un militare di scorta ad ogni bella ragazza. pafriola di Berlusconi. Peccato per le meno belle, ma da qualche parte bisogna pur cominciare. L'ideale sarebbe accorciare i tempi dei processi, ma così anche corrotti e corruttori sarebbero subito condannati. Quiondi non si può fare.

    Report

    Rispondi

  • CONDULMARI

    26 Gennaio 2009 - 11:11

    Rimandare a casa a i domiciliari lo stupratore è perfettamente in linea con le regole di uno stato liberale. lo scandalo è che probabilmente prima del processo e dell'eventuale condanna passeranno mesi, se non anni. Gli autori di questi reati andrebbero processati per direttissima. Oggi arrestati ed eventualmente inviati ai domiciliari (cosa giusta fino alla condanna), domani processati ed eventualmente condannati.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog