Cerca

Battisti, scontro col Brasile

"Via l'ambasciatore italiano"

Battisti, scontro col Brasile
Sale la tensione tra Italia e Brasile a causa del caso Battisti. Il ministro degli steri Franco Frattini ha infatti deciso di richiamare l'ambasciatore in Brasile, dopole dichiarazioni del procuratore generale della repubblica brasiliano, Antonio Fernando de Souza, il quale ha deciso che il processo di estradizione in Italia dell'ex terrorista va archiviato.
De Souza ha dunque 'bocciato' la domanda del presidente del Supremo Tribunale Federale (Stf), Gilmar Mendes, sull'estradizione di Battisti. Secondo il procuratore generale brasiliano l'uomoi non è più estradabile perchè ha ottenuto dal ministro della giustizia, Tarso Genro, lo status di rifugiato politico. Il Stf si riunirà probabilmente a partire dal 2 febbraio per decidere la sua scarcerazione o meno.
"La decisione brasiliana è grave e francamente inaccettabile", ha sottolineato Frattini, giustificando la scelta del governo italiano di richiamare l'ambasciatore in patria. A tale proposito è intervenuto anche il ministro dell'Interno Roberto Maroni, il quale, durante la puntata di 'Porta a porta', ha auspicato che "il presidente Berlusconi e il governo italiano valutino che cosa fare in occasione del prossimo G8. Non sta a me prendere una decisione. Il Brasile non fa parte del G8 ma fare accordi con uno Stato che ti considera un Paese dove chi viene condannato rischia di essere ammazzato o torturato...''.
"Indigna e sconcerta la decisione delle autorità giudiziarie brasiliane che pensano di concludere qui il caso Cesare Battisti. Un sanguinoso assassino deve scontare la sua pena. La vicenda è tutt'altro che chiusa. Bene ha fatto il Ministro Frattini a richiamare l'ambasciatore italiano in Brasile". Così il presidente dei senatori del Pdl Maurizio Gasparri."Un gesto forte a dimostrazione dell'indignazione del nostro Paese e della determinazione del Governo. Non ci rassegneremo - conclude Gasparri - di fronte ad una decisione così sconcertante".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mark69

    28 Gennaio 2009 - 13:01

    Solidale col governo, che vada fino in fondo. L'atteggiamento francese prima, e brasiliano ora, sono un'insulto ai cittadini italiani. Intollerabile insulto.

    Report

    Rispondi

  • ChipEnSai

    27 Gennaio 2009 - 19:07

    Ci vorrebbe una taglia sulla sua cattura! .-(

    Report

    Rispondi

  • lawnfield

    27 Gennaio 2009 - 19:07

    Rifugiato politico e' chi professa idee democratiche non accettate in patria. Il terrorismo non e' una idea politica, e' rifiuto delle leggi democratiche con conseguente licenza di uccidere e terrorizzare. Da che parte vuole stare il Brasile rosso? Tra gli stati democratici o quelli filoterroristi? Franchino 33

    Report

    Rispondi

  • idomeneo41alice.it

    27 Gennaio 2009 - 19:07

    Il paese guidato da un'altra icona dei Uolter dè Noantri,ci dà lezioni di democrazia,dove la delinquenza dilaga con gang minorenni e squadroni della morte,percui il Battisti è a proprio agio e loro,nella loro fierezza lo proteggono dalle Italiche malvagità.E proprio il mondo al contrario.Lula e Co,alla larga.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog