Cerca

Frattini: gli stupratori romeni

scontino la pena a casa loro

Frattini: gli stupratori romeni
"Gli stupratori di Guidonia scontino la pena nelle carceri in Romania". Il ministro degli Esteri Franco Frattini chiede la linea dura contro i quattro romeni arrestati con l'accusa di aver violentato una ragazza e aver picchiato il fidanato. "Non si deve sospendere il trattato di Schengen", sottolinea il titolare della Farnesina, "ma bisogna fare di più per contrastare il crimine. Schengen è una grande libertà a cui non si deve rinunciare. Io non direi che questi sono criminali rumeni, un criminale è un criminale. Però ci sono dati statistici: la comunità rumena è quella dalla quale purtroppo viene una gran parte di quelli che commettono reati in Italia. Questi criminali devono scontare la pena nel loro Paese e la Romania deve accettare questo discorso. Sarebbe vera solidarietà europea, senza puntare il dito contro nessuno".
Intanto continuano le indagini sui quattro romeni arrestati: giunti nel nostro Paese solo alcune settimane fa, non hanno precedenti penali a Roma. Anche se, a quanto pare, le loro giornate non erano costellate di attività propriamente legali: di giorno facevano lavori saltuari ma la notte, in gruppo, a volto coperto, rapinavano le coppiette.
Tra le carte sul tavolo del gip, le intercettazioni telefoniche che li hanno traditi: "Nasconditi, non farti vedere alla finestra... e poi via, via, fuggiamo prima a Padova, poi più su". Sono le parole pronunciate in cattivo italiano da uno della banda al cellulare rubato alla ragazza violentata. Poco dopo, sono stati bloccati al casello autostradale di Tivoli, a bordo di una Bmw con targa romena.
Il sindaco di Tivoli, Giuseppe Baisi, invoca "una condanna esemplare". Il primo cittadino chiede una scelta di polso: "Sarebbe un grave errore criminalizzare l'intera comunità degli stranieri o utilizzare questa vicenda per strumentalizzazioni politiche, ma per i responsabili di questo immondo delitto serve una condanna esemplare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mirella62

    31 Gennaio 2009 - 12:12

    sento in questi giorni queste poelmiche su stranieri che violentano be' signori non imentichiamo che ci sono molti italiani che lo fanno anche loro solo che la notizia e molto piu' interessante quando a farlo sono stranieri io sono stata aggredita e ho subito violenza da un italiano un controllore del treno nel pieno delle sue funzioni il 26/04/2007 ho denunciato ho portato lividi ma la notizia non andava bene almeno per le varie testate che ho sentito e apete il perche' 1 non sono morta 2 non era uno straniero 3 parliamo di trenitalia be' il processo si fara' sotto la procura di latina io no mi sono fermata con tutte le mie paure e con tutto quello che ancora mi porto dentro non sono giovane ne bella ne provocante eppure queste cose succedono ma facciamo sapere che ci sono anche gli italiani che fanno questo schifo e che non tutti i stranieri sono cosi' mirella

    Report

    Rispondi

  • moicano

    29 Gennaio 2009 - 16:04

    A casa loro! E si portino dietro anche le altre migliaia di rumeni detenuti nelle nostre carceri.

    Report

    Rispondi

  • sillaclara

    29 Gennaio 2009 - 15:03

    sono d'accordo:fargli scontare l'ergastolo al loro paese!in Italia il carcere-per gente così,è un albergo dove passare magari l'inverno;mentre in romania(come disse il loro ministro della giustizia)è galera!

    Report

    Rispondi

  • sebrisi

    29 Gennaio 2009 - 12:12

    Tutto il malore sta nella inutilità di quel trattato o per meglio dire è stato mal affrontato, perchè i controlli non si possono completamente dimenticare. In quanto a Frattini, c'è da dire che è giusto che i criminali scontino la pena nei propri paesi. Ma quali sono quelli che lo prevedono? La stessa Roamania ha risposto giorni addietro che ciò non è possibile. Dicono : I criminali sono nostri ma è meglio che stiano in Italia, frontiera aperta a tutta quella gente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog