Cerca

Battisti: "Parigi mi consigliò

di scappare in Brasile"

Battisti: "Parigi mi consigliò
"L'idea della mia fuga in Brasile non fu mia". È categorico Cesare Battisti, difendendosi sul quoridiano brasiliano 'Istoe': l'idea, incalza l'ex terrorista dei Pac, al centro di un non indifferente incidente diplomatico tra Italia e Brasile, "fu di un agente dei servizi segreti francesi". E poi aggiunge: "Io non ho ammazzato nessuno e ritengo sia esagerata la reazione del nostro Paese; lo status di rifugiato politico che mi ha concesso il Brasile è stato un atto di coraggio e di umanità da parte del ministro (della Giustizia) Tarso Genro". "Nello studio dei miei avvocati francesi", racconta l'ex terrorista, "(l'agente dei servizi) mi disse che l'Italia stava facendo pressioni, a causa delle denunce contenute nei miei libri. Mi parlò del Brasile, dove mi disse si trovavano molto rifugiati italiani...Una settimana dopo, mi mandò un'altra persona che mi consegnò un passaporto italiano con la mia foto e i miei dati". Ma a organizzare quel viaggio non furono i servizi: "Ho viaggiato in auto dalla Francia verso la Spagna e poi il Portogallo: da Lisbona mi imbarcai per l'isola di Madeira e da lì andai nelle Canarie, dove presi un piccolo aereo per Capo Verde e, in seguito, per Fortaleza. Arrivato in Brasile per due anni e mezzo sono stato costantemente controllato, dai brasiliani e dai francesi, sempre, in qualche momento entrarono anche gli italiani

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nico.primo

    30 Gennaio 2009 - 20:08

    Quello che si era presunto, si è avverato il BATTISTI per espatriare è stato aiutato dalla francia, che ci aveva già negato l'estradizione. E noi come al solito, (la RAI di proprietà di Fazio) à avuto l'ono- re di ospitare la CARLA' Bruni in Sarkozj, la quale aveva rinunciato alla cittadinanza italiana, e dopo "l'apprezzamento" di Berlusconi a OBAMA lei si vergognava di essere italiana. Questo siamo noi Italiani ia facciamo insultare da chiunque, poi in secondo tempo battiamo le mani. Impossibile pretendere di più. Intanto BATTISTI se la ride e ci prende in giro dicendo che lui non ha ucciso nessuno, roba da voltastomaco.

    Report

    Rispondi

blog