Cerca

Berlusconi sfida il Colle

Fini sta con Napolitano

Berlusconi sfida il Colle
E' scontro tra il governo ed il Quirinale sul decreto legge che riguarda il caso di Eluana Englaro. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha dichirato che non lo firmerà dal momento che è ritenuto incostituzionale.
Silvio Berlusconi difende invece la posizione del governo sul decreto legge che riguarda il caso di Eluana Englaro. Un provvedimento “ispirato al lavoro di molti costituzionalisti e in particolare all’intervento del presidente emerito della Consulta Onida”, ha affermato il presidente del Consiglio che ha aggiunto che “in attesa dell’approvazione della completa e organica disciplina legislativa sul fine vita alimentazione e idratazione in quanto forme di sostegno vitale e fisologicamente finalizzate ad alleviare le sofferenze non possono in alcun caso essere sospese da chi assiste soggetti non in grado di provvedere a se stessi”.
Riferendosi alla lettera del capo dello Stato, Berlusconi ha risposto che "ci sono i presupposti di necessità ed urgenza previsti dalla Costituzione". La Costituzione, ha precisato il Cavaliere, affida al governo "di valutare se ci sono tali requisiti". “Andiamo avanti con il decreto. Se io non intervenissi con un decreto, sentirei personalmente di aver compiuto una omissione di soccorso. Non possiamo far ricadere su di noi la responsabilità della morte di Eluana”, è quanto avrebbe detto nel corso del Cdm di questa mattina.
"Eluana è persona viva" "Napolitano non firma decreto? Camere votino legge in anticipo". Se il Presidente della Repubblica non intende firmare il decreto sullo stop alla morte di Eluana, interventano le Camere approvando misure che anticipino una legge in materia. Lo ha dichiarato il premier, Silvio Berlusconi. Il presidente del Consiglio ha poi giustificato l'esigenza del dl con l'urgenza dell'azione e con il fatto che, a suo avviso, "Eluana è persona viva".
Fini preoccupato "Desta forte preoccupazione che il Consiglio dei Ministri non abbia accolto l'invito del capo dello Stato, ampiamente motivato sotto il profilo costituzionale e giuridico, ad evitare un contrasto formale in materia di decretazione d'urgenza": con una nota il presidente della Camera, Gianfranco Fini, ha manifestato il suo disappunto per quanto accaduto questa mattina in Consiglio dei ministri sul decreto legge. Già ieri Fini aveva dichiarato la sua contrarietà al provvedimento del governo, schierandosi dalla parte del presidente della Repubblica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lui49

    07 Febbraio 2009 - 15:03

    Berlusconi ormai è rimasto da solo, contro tutto e contro tutti. E' coraggioso e non ha paura...e allora, Presidente, butti per aria il tavolo, chiuda questa ignobile manfrina...tutti a casa. Il conto delle perdite si farà in seguito.

    Report

    Rispondi

  • piero1939

    07 Febbraio 2009 - 13:01

    e'nato di sinistra e morira' di sinistra. e' una maledizione. berlusca e' solo. fini fa il pirla e ambisce allapresidenza del consiglio. berlusca ambisce al colle bossi pensa slo ai lumbard. ma che razza di coalizione. i sinistroidi sono sbarcati in normandia e sono allo sfacelo. aspettano solo di pietro che esca di prigione e poi tutti in carrozza. come fanno certi giornalisti a fare certe inchieste. dove vivono?. a gia' dimenticavo.... nel paese dei campanelli pizza e mandolini. povero gaber. ne aveva ben donde a non sentirsi italiano. ma purtroppo lo siamo.

    Report

    Rispondi

  • idomeneo41alice.it

    06 Febbraio 2009 - 22:10

    Non c'è verso,ormai F(oll)ini è sempre più di traverso,angosciato,preoccupato,disorientato,ecc.ecc.L'uomo a tutti i costi vuole visibilità,ed il Presidente di scuola ben nota e di Scalfariana tragica memoria,ad ogni starnuto invoca la Costituzione e con lui coloro che del prossimo se ne fregano,basti vedere Liberazione le vignette che pubblica.La cosa più infamante è di aver sottratto Eluana dalle amorevoli cure che da quattordici lunghi anni le erano porte da quelle benedette coraggiose suore.Il resto solo miseria.Berlusconi ha coraggio da vendere.Si prepari al diluvio.

    Report

    Rispondi

  • monginevro

    06 Febbraio 2009 - 21:09

    ho sentito la conferenza stampo di Berlusconi, condivido in toto quello che ha detto e fatto con il Consiglio dei Ministri. Fini ha torto! Mi dispiace che Fini spesso e volentieri si meta di traverso su questioni che riguardano la maggioranza....lo dice una che non ha rinnovato la tessera di AN anche per motivi come questo. Bisogn essere uniti, c'è già Bossi che urla e pretende !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti