Cerca

Guazzaloca scioglie le riserve

"Bologna, mi candido per te"

Guazzaloca scioglie le riserve
Ora è ufficiale: Giorgio Guazzaloca ha sciolto tutte le riserve e ha dichiarato di essere pronto a correre per la terza volta alla carica di sindaco di Bologna. Lo ha fatto dal teatro Manzoni, in via De Monari, dove da giorni si stava organizzando la festa aperta a tutti i bolognesi e voluta dagli oltre 25mila cittadini che vogliono Guazzaloca a Palazzo d’Accursio. “Cari amici e bolognesi, sono qui per annunciare la mia candidatura a sindaco di Bologna”, sono state le parole dell’ospite di onore, pronto a sfidare i concorrenti “con una lista senza alcun simbolo di partiti politici”.
Guazzaloca ha ricordato quando a marzo sollecitò l’impegno dei cittadini per sostenerlo nella sua candidatura. Fu “una chiamata a raccolta di tutti i bolognesi, senza distinzioni di appartenenze tra destra e sinistra, per unire le forze più vitali della città in una situazione di crisi gravissima”. La reazione dei bolognesi a quest’appello, afferma oggi Guazzaloca, “è stata straordinaria: non avrei mai potuto pensare una partecipazione così ampia, convinta e determinata”.
Una risposta, aggiunge l’ex sindaco di nuovo candidato, che “andava onorata nel migliori dei modi, con una risposta chiara, convinta ed esplicita”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mi3148

    07 Febbraio 2009 - 20:08

    I Bolognesi non ne possono più di un fannullone e sfaccendato ex sindacalista, tutti sbattuti fuori dal Parlamento e ora tocca anche a Bologna. Basta "cinesi" nella dotta e grassa città, SICUREZZA, TRAFFICO, PULIZIA sono alcuni temi più importanti da risolvere subito. L'attuale amministrazione ha perduto i finanziamenti sul METRO', mentre il tram su gomma (CIVIS) dopo aver aperto cantieri in ogni dove, si scopre che non ci sono i finanziamenti e a 4 mesi dal termine del mandato questi signori (Cofferati, Zamboni) fanno pagare ai cittadini bolognesi le loro sprovvedute ed inefficace imprese. Con Guazzaloca Bologna era 1.a nella lista delle città più sicure, siamo sprofondati al 14° posto; sulpiano traffico nessun provvedimeto se non spese avventate col CIVIS steggiato da tutti i commrcianti della città. Cofferati non è tagliato perfare l'amministratore pubblico, forse crede di essere alla Pirelli, ma a Bologna si lavora!!! Il fallimento del PD è evidente in città e nessun partito può pretendere ora di riportare Bologna agli albori del 27 giugno 1999. Solo Guazzaloca con i suoi cittadini ha questa possibilità. BASTA PARTITI, BASTA IMPROVVISATI e SPROVVEDUTI CANDIDATI, via da Bologna i fautori di questo disastro.

    Report

    Rispondi

blog