Cerca

D'Alema scarica Walter

e tira la volata a Bersani

D'Alema scarica Walter
Bersani? Sarebbe il candidato ideale alle segreteria del Pd per le prossime elezioni. Lo ha detto Massimo D’Alema, non uno qualunque, durante un convengo del Partito democratico a Bologna sulla crisi economica. Perché secondo l’ex ministro degli Esteri, Pierluigi Bersani è la persona che meglio riuscirebbe ad attirare molte persone verso il Pd. Testuali le parole di D’Alema: “Conosco diverse persone che si sentono più vicine al Partito democratico proprio perché Bersani si è candidato”. Una risorsa quindi la candidatura del parlamentare piacentino, non certo un problema. Anche se molto presumibilmente Veltroni la pensa diversamente. E infatti il leader del centrosinistra italiano non era in Emilia Romagna a presentare la sua ricetta per affrontare la crisi, ma al Tempi Adriano di piazza Pietra, in quel di Roma. Sarà un caso?
Interrogato sulla diminuzione degli iscritti al partito, D’Alema ha risposto: “Non certo perché si è candidato Bersani. Non sono un dirigente del partito e non conosco neanche i dati”. Certamente sarà venuto a conoscenza delle perplessità del vicesegretario del Pd, Dario Franceschini, che aveva ritenuta inopportuna la candidatura di Bersani. “E’ una discussione tra loro due”, ha tagliato corto D’Alema che ha sottolineato che lui “è una terza persona”. In chiusura parole più diplomatiche, giusto per riportare un po’ di quiete: “Valuteremo proposte e candidatura quando ci sarà il congresso. Adesso non è il momento di esprimere queste valutazioni”. Ma il dado è stato ormai tratto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piero1939

    16 Febbraio 2009 - 14:02

    come fa uno a comandare un paese e' dire si puo' fare. avesse detto si deve fare avrebbe avuto un altro effetto. e ovvio se non va la colpa o la causa e' degli altri. ma va laaaaaaaa!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • piero1939

    16 Febbraio 2009 - 14:02

    massimo e berlusca bipartisan alla faccia di tutti. anche le brigate rosse sarebbero zittite. dai provateci. altro che si puo' fare. si e' visto come. io vi dico dovete farla. sento che e' li a partata di mano. insistete. i rutelli, i fini, ed anche i bossi e tutti gli altri in fila.dai dai dai

    Report

    Rispondi

  • piero1939

    15 Febbraio 2009 - 11:11

    e' troppo tempo che sopporta. ora dice basta. lui fara' anche una linea con berlusca.il paese ne avrebbe bisogno. 5 anni uno e 5 anni l'altro. parlo di correnti. si risprmia e ci sarebbe piu' equita'.

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    14 Febbraio 2009 - 19:07

    C è una singolare acquiescenza di Confindustria. È impressionante . Baffino accusa la Confindustria, ma dimentica quando col Governo Prodi com erano genuflessi ai Sindacalisti e a Montezemolo: ricordate quanti accodati in Cina? Ancora Da questo governo hanno avuto quattro spiccioli e ogni giorno dicono grazie . Perché questo? Secondo me perché è il segno della debolezza dei centri maggiori del potere economico. Siccome hanno bisogno dei favori del governo, in questo momento non hanno la forza di rappresentare in modo adeguato l interesse del mondo delle imprese, ha concluso il cuoco sopraffino quello che buttò all aria il tavolo della bicamerale, spodestò Democraticamente Prodi e bombardo i Balcani senza l avallo del Parlamento, così pescatori, suoi concittadini pescano siluri sì, non pesce Silurus glanis a rischio della pelle questo perché quell arsenale fu scaricato in adriatico! vincenzoaliasilcontadino@gmail.com Matera.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog