Cerca

L'addio dei big Pd a Veltroni

"Ci ha fatto l'ultimo danno"

L'addio dei big Pd a Veltroni
 Di solito, almeno di fronte alle dimissioni del capo, nei partiti funziona che si fa la faccia di circostanza, si buttano lì due banalità ben dette sul prezioso lavoro e sulla difficile eredità e la cosa finisce lì con l'onore delle armi. Nel Pd no. Nel Pd, in attesa che Water Veltroni oggi ufficializzi l'addio in conferenza stampa, i maggiorenti gli tirano l'ultimo siluro.
Il più impietoso è, al solito, Arturo Parisi, che alla Stampa confida di ritenere "tardive ed intempestive" le dimissioni del leader, dato che "il Pd non si avvantaggerà di una cambio di guida a tre mesi dalle elezioni".
Duro anche il sindaco di Torino Sergio Chiamparino, che intervistato da Repubblica parla di "dimissioni intempestive" e di "partito a rischio fallimento". In più, secondo Chiamparino, "la sconfitta in Sardegna non è una ragione insufficiente, anzi. Questo è il momento di esercitare la leadership".
La pietra tombale su quanto resta del veltronismo la mette Enrico Letta: "Questo centrosinistra è finito". Sembra ieri, che la vocazione maggioritaria era il nuovo orizzonte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog