Cerca

Veltroni: io vi lascio

Ma è colpa di Berlusconi

Veltroni: io vi lascio

Deputato semplice Veltroni a rapporto. E' in corso la conferenza stampa nella quale il segretario del Pd sta deponendo lo scettro. Berlusconi cattivo resta il chio do fisso: della serie, mi piego ma non mi spezzo. Il «semplice deputato» Veltroni ora non sa se questa sarà un addio alla politica o no. Quel che è certo , a sentire Enrico Letta, è che «ora dobbiamo voltare pagina» perché «questo centrosinistra è finito». Intanto, per sabato è stata convocata l’assemblea costituente del Pd.

Troppo tardi. Veltroni, la prende larga e dice di avere un "rimpianto": non aver fatto nascere prima questo Pd.  «il Pd doveva nascere già nel 1996», ha detto. «L'idea dell'Ulivo era la possibilità di cambiare il Paese, cosa che il governo Prodi, che al suo interno aveva due ministri che sarebbero poi diventati presidenti della Repubblica, aveva iniziato a fare. E se l'esperienza di quel governo fosse andato avanti tutto il corso della storia italiana sarebbe stato diverso». Il Pd oggi è la «realizzazione di un sogno» perché dal dopoguerra «non c'è mai stato un ciclo veramente riformista». Veltroni è ancora convinto che il Pd maggioritario, quello cosiddetto del Lingotto, abbia ancora un futuro: «E qui sta, secondo me, la sfida principale del Partito democratico, la sua vocazione maggioritaria: conquistare il consenso con una maggioranza, perché dal 1994 noi non abbiamo mai avuto la maggioranza degli italiani ma è a quella che dobbiamo puntare perché se non abbiamo una grande forza riformista, questo Paese non cambierà mai».

Il mistero Berlusconi. «Non deve, il Pd, essere una sorta di Vinavil che tiene incollata qualunque cosa. E' nella società che deve essere chiara la nostra proposta - ha aggiunto Veltroni -. La destra ha vinto, il successo del Pdl per noi è difficile da capire. Berlusconi ha vinto una battaglia di egemonia nella società, perché ha avuto i mezzi e la possibilità anche di stravolgere i valori della società stessa, costruendo un sistema di disvalori contro i quali bisogna combattere con coraggio, anche quando il vento è più basso ma sapendo che se la vela è posizionata nella giusta direzione, prima o poi arriverà il vento alle spalle che spingerà in avanti». Ma il vero problema, secondo Veltroni, non è la politica di Berlusconi, bensì il fatto che questa posizione riesca a conquistare consenso.

Semplificare.  Il segretario uscente ha poi spiegato i tre punti su cui il Pd ha cercato di impegnarsi in questi mesi. A partire dalla semplificazione della vita politica e sociale del Paese. Un concetto, questo, che «non è figlio della volontà di ridurre le differenze, ma è l'idea di una democrazia che decida». Poi c'è innovazione programmatica, per affrontare le nuove sfide della società. E terzo l'innovazione della forma partito: «Speravo se ne potesse realizzare uno nuovo, aperto» con una partecipazione forte dal basso, «non come nella destra dove c'è uno solo che decide». «Io a tratti il Partito democratico l'ho visto - ha poi aggiunto Veltroni ricordando tutti i principali momenti di coinvolgimento della base popolare del centrosinistra, dalle elezioni dello scorso anno alla manifestazione del Circo massimo, passando per le iniziative a difesa della Costituzione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.Mandara

    05 Gennaio 2010 - 21:09

    Il capolinea di W. Veltroni pareva previsto da tempo, forse già dal battesimo di Torino (che non obbligatoriamente è sede di nuove sperimentazioni beneauguranti). Questo PD che sembra averle provate tutte per assumersi il ruolo diun'opposizione valida...pare non aver fatto i conti con i Di Pietro (da una parte) ed i Berlusconi(dall'altra). Una compagine che, con brutta terminologia definita catto-comunista, del "nè carne, nè pesce"...liberal-democratico-comunista ?? Dalla continua polemica giornaliera da cortile con il Premier sempre fine a sè stessa e raramente costruttiva...e che mai abbia suscitato grande interesse. Ora, da capo, con la rassegna dei prossimi candidati concorrenti alla Segreteraia, con le Primarie e tutte le possibili escursioni di nomi possibili (DS o Margherita ?). Era chiaro, anche per un parvenu, che il cammino di W. Veltroni fosse nettamente ad ostacoli crescenti ad iniziare dalla "bega" Campania all'inciampo ultimo in Sardegna. C'è sempre, in prospettiva,un ipotetico..."Liberi tutti" ?? Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • pietrop

    20 Febbraio 2009 - 15:03

    POSSIBILE CHE IL GENIO POLITICO DI UN VECCHIO POLITICO , NON RIESCA AD ESPRIMERE UN CONCETTO (POLITICO PIENO) .CHE PENSI DI VIVERE PER DI PIU IN CONCORRENZA CON IL SOLO INSULTARE GLI ITALIANI ATTRAVERSO GLI INSULTI A CHI QUESTI A MAGGIORANZA ELEGGE.SARANNO ANCHE DEMOCRATICI MA PER ESSERLO REALMENTE SPOCCHIA A PARTE ,DEVONO ACCETTARE I VERDETTI POPOLARI,E NON CANTARSELE E SUONARSELE.

    Report

    Rispondi

  • lughina

    20 Febbraio 2009 - 01:01

    Io penso che se Veltroni anzicchè continuare a coglionare Berlusconi avesse dato dei sugerimenti costruttivi forse oggi i suoi elettori sarebbero più vicino al PD. E non sarebbefinito come è finito.Io la penso così da peps38 Varese.

    Report

    Rispondi

  • antoniorizzuti

    20 Febbraio 2009 - 01:01

    Io nun capisco 'e vote che succede e chello ca se vede tanta gente non 'o crede: murette Prodi e mò pure Veltrone ma 'a colpa è 'e Berluscone, sì pe colpa 'e Berluscone! Doppo cacciato 'o fummo se n'esce aummo-aummo... mò va trova che ntrallazze, quanta chiacchiere cu 'o mmele: cumparranno 'ati pupazze dint'a sta Torre 'e Babele...ò.* (A volte io non capisco cosa succede e ciò che si vede tanta gente non lo crede: morì Prodi ed ora anche Veltroni, ma il colpevole è Berlusconi, sì per colpa di Berlusconi! Dopo messo fuori il fumo, se ne esce furtivamente... Ora va trova quanti intrallazzi, quante chiacchiere col miele: compariranno altri pupazzi in questa Torre di Babele...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog