Cerca

Il 'Piano Marshall' di Silvio

piace alla stampa araba

Il 'Piano Marshall' di Silvio
Il 'Piano Marshall' per l'economia palestinese proposto ieri al vertice di Sharm el-Sheikh dal premier Silvio Berlusconi piace molto al mondo arabo. Tanto da trovare ampio spazio sulla stampa araba. Particolare apprezzamento è espresso sulle colonne del palestinese 'al-Ayam' o dell'emiratino 'al-Ittihad': "Il presidente palestinese (Abu Mazen, ndr) ha sostenuto con forza il 'Piano Marshall' per la ripresa dell'economia dei Territori palestinesi proposto dal premier italiano Berlusconi al vertice di Sharm el-Sheikh - si legge su 'al-Ittihad' - pur avvertendo che questo genere di sforzi sono minacciati dall'assenza di una soluzione politica della crisi nella regione". Analoga la posizione assunta dal giornale di Ramallah, 'al-Ayyam', uno dei tre principali quotidiani della Cisgiordania messo al bando a Gaza dagli uomini del movimento di resistenza islamico Hamas: "È necessario ringraziare ed esprimere un forte apprezzamento da parte dell'Anp a Berlusconi per il 'Piano Marshall' per la ricostruzione dei Territori palestinesi - si legge sul quotidiano, riportando le parole di Abu Mazen - Ritengo che piani come questo possano dare un sostegno reale all'economia palestinese e in particolare è importante sostenere i progetti che riguardano il turismo palestinese che sta vivendo una forte crisi in questo periodo e mi riferisco in particolare al turismo religioso". E proprio su questo aspetto del 'Piano Marshall' si è concentrato l'articolo di apertura del giornale arabo 'al-Sharq al-Awsat', che sottolinea come Berlusconi abbia previsto nel suo piano anche "la necessità di costruire nuovi alberghi nei Territori palestinesi per sostenere la ripresa del turismo nell'area".
Durante il vertice di Sharm la proposta del Cavaliere era stata elogiata a più voci: "Non c'e' dubbio che il piano Marshall presentato dal presidente Berlusconi vada seguito e sostenuto", aveva affermato il segretario generale della Lega Araba, Amr Moussa. "La Lega Araba sarà impegnata nei contatti con tutti gli attori palestinesi e quelli internazionali per l'esecuzione dei progetti relatibvi alla ricostruzione di Gaza", aveva aggiunto Moussa", il quale aveva suggerito, "affinchè non vengano vanificati gli sforzi, che ci sia un quadro d'insieme che unisca gli attori arabi e internazionali impegnati nella ricostruzione di Gaza. Non c'è dubbio che l'aggiunta importante che ci è giunta ora, quella del presidente Berlusconi, riguarda il piano Marshall per la ricostruzione della Palestina. Si tratta di una proposta che va sostenuta e seguita con attenzione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog