Cerca

"Una tantum sui redditi alti"

Franceschini conquista Bossi

"Una tantum sui redditi alti"
Il segretario del Pd Dario Franceschini fa un po' il Barack Obama e propone la ricetta del presidente degli Stati Uniti per risollevare l'Italia dalla crisi e aiutare le famiglie in difficoltà: serve "Un contributo straordinario" per il 2009 di due punti sui redditi superiori ai 120.000 euro, cioè come quelli dei parlamentari, per finanziare 500 milioni da destinare al contrasto della povertà estrema. La proposta di Franceschini arriva al termine di un incontro con le associazioni di volontariato che si occupano delle povertà: "Mettiamo nel 2009 500 milioni per il volontariato e i comuni per contrastare la povertà estrema, per chi non ha nulla. Per finanziare questa iniziativa possiamo introdurre un contributo straordinario di due punti sull'Irpef dei redditi alti, da quelli dei parlamentari in su, e cioè di 120.000 euro", ha spiegato, "e chiediamo a circa 150-200mila persone con redditi alti, compresi i parlamentari, di farsi carico di chi non ce la fa". Secondo Franceschini "andrebbe rifinanziato il sostegno al Terzo settore previsto dalla legge quadro 328, nonchè il Fondo sociale per i comuni che il governo ha tagliato di 300 milioni".
Il leader del centro sinistra, secondo il quale la proposta si tradurrà in un'iniziativa parlamentare, non ha mancato poi di criticare nuovamente il governo che, a detta sua "nega e nasconde la crisi", seguendo una linea "poco onesta. Berlusconi non è ottimista", aggiunge, "finge di esserlo e non penso che questo sia onesto né corretto".

La proposta di Franceschini piace al numero uno del Carroccio Umberto Bossi. Il leader della Lega ritiene infatti che "in un momento di crisi chi ha di più è giusto che contribuisca". D'accordo anche il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani: "È una proposta giusta e convince la modalità di finanziamento. C'è bisogno di aumentare le risorse verso le fasce sociali più svantaggiate. Il governo non può pensare di risolvere con la social card i problemi dei poveri e delle aree di emarginazione sociale che sono in aumento". Epifani ha anche chiesto al governo di raddoppiare la cassa integrazione ordinaria da 52 a 104 settimane: "Ci sono aziende che stanno passando alla cassa integrazione straordinaria, che è uno strumento per mandare via la gente dal posto di lavoro. C'è una situazione di assoluta emergenza. In Lombardia e Piemonte non ci sono più i soldi per la cassa integrazione in deroga e i tre quarti del Paese, di fronte alle richieste di cassa integrazione straordinaria, non hanno i soldi per pagare nulla".
assolutamente contrario alla proposta di Franceschini è invece il ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta. "Il Pd chi? - ha detto ironico Brunetta - Non conosco nessun Pd".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gasparotto

    12 Marzo 2009 - 11:11

    ci mancava uno statista con le palle come Francescano minore della congrega dei frati frappisti. Appena nominato segretario dei DS ha preso la costituzione e vi ha giurato in presenza del padre partigiano, un nome una garanzia(PARTIGIANO!!!!!)e poi è andato a farsi benedire dal prevosto, come usavano una volta nobili e cavalieri.Chissà, forse il buon Francescano aveva pensato di essere assurto ai vertici della repubblica. E difatti, subito dopo il rituale ha cominciato a spararle grosse, alla maniera degli evangelii: bisogna prendere ai ricchi e dare ai poveri, ha detto con zelo messianico. Quale idea brillante, scaturita dalle sue roventi meningi, quale idea dei più geniali degli statisti, tanto che un Cavour o un Bismark fanno la figura dei moscerini se accostati al suo luminoso pensiero. Le PMI sono alla frutta,la borsa ha perso un patrimonio mondiale, il PIL nazionale ed internazionale scende sotto lo zero,la disoccupazione avanza a passi da gatto con gli stivali.....ed il Francescano minore che pensa? L'una tantum che i percettori di reddito sopra i 120mila euro annui cederanno ai poveri, secundum Matteum. Questa la soluzione e poi tutto tornerà più bello che pria. Qui cari miei bisogna ripensare la finanza, cioè il modo di impiegare il danaro se per opere pie oppure per investire per creare posti di lavoro e fare ripartire le turbine ed i consumi. Qui bisogna ripensare i derivati e le leve finanziarie che tanti danni hanno prodotto. Qui cari signori bisogna analizzare perchè le banche non prestano più soldi. La Merica non è forse fallita perchè le banche hanno prestato soldi a cani e porci per poi trasformare i crediti in titoli divenuti tossici per insolvenza ed offerti ai gonzi? Ed ora perchè si invitano le banche a continuare senza garanzie in cambio? Cosa promette di restituire l'impresa se la banca le dà del danaro in prestito? Lo stato pensi a cose serie e lasci perdere Francescano e Bossi, rintronato dall'ictus e dal federalismo ad ogni costo. Proprio lui che persegue l'idea di trattenere in padania il pil locale,si schiera con il solidarismo evangelico di Franceschini. Ma i sinistri sanno solo inventarsi nuove tasse? Un economista Nobel, diceva che anche un fesso ne sarebbe capace.

    Report

    Rispondi

  • donatellapasseri

    12 Marzo 2009 - 11:11

    500 milioni al volontariato!Indovinate chi gestisce questo denaro. Ma la sinistra naturalmente.Sanno chiedere solo soldi.

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    11 Marzo 2009 - 19:07

    poi, la vogliono usarla a loro favore? Che cosa dire di questi articoli? Art. 3.Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all organizzazione politica, economica e sociale del Paese. Art. 53. Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività. vincenzoaliasilcontadino@gmail.com Matera

    Report

    Rispondi

  • GBalsamo

    11 Marzo 2009 - 18:06

    ma che simpatico il Brunetta........in tempi di crisi chi ha i soldi ha dei vantaggi enormi, chi non ha è invece nella m......quindi citare il vangelo delle terze elementari come corollario ad un ragionamento di parte (quale? che il PD spara sempre e solo cazzate, ovvio) fa alquanto ridere.........forse perchè Feltri è fra quelli che è over 120000€?????sono sicuro che ne leggerò delle belle......

    Report

    Rispondi

blog