Cerca

Regioni contro il decreto casa

"Ma discutiamo pure sul Piano"

Regioni contro il decreto casa
 Le Regioni dicono no al Decreto per approvare il piano casa. Riunite da stamattina in Conferenza per trovare una linea comune da discutere con il governo, le Regioni si sono trovate d'accordo almeno sullo strumento: un decreto legge non va bene.  «Siamo pronti a discutere di tutto purchè non si utilizzi il decreto perchè potrebbe creare dei vuoti normativi in attesa che le Regioni assumano poi altri provvedimenti». ha detto il presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo, lasciando la conferenza. «Da quasi tutti gli interventi dei governatori sta emergendo una netta presa di posizione contro il decreto che disarticolerebbe il rapporto tra Stato e Regioni -ha aggiunto Marrazzo- però non vogliamo arrivare ad una chiusura ai temi che hanno spinto Berlusconi a porre la questione, ossia la semplificazione, la modernizzazione». Secondo Marrazzo, «se si toglie dal tavolo il tema del decreto si potrebbe arrivare a concordare un accordo tra governo e Regioni. Noi abbiamo parlato in questo momento -ha concluso- senza conoscere il nuovo testo ma soltanto in base a ciò che è apparso sui giornali». Intanto altri presidenti di Regione hanno abbandonato il tavolo: «In mancanza di un testo, la discussione non può essere che sterile», ha detto il presidente della Regione Calabria, Agazio Loiero, lasciando la Conferenza. Il presidente della Calabria ha così confermato che, dopo le dichiarazioni di ieri del premier, le Regioni non sono ancora in possesso del nuovo testo. Oltre a Loiero, hanno lasciato la conferenza anche il presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino, e della Valle d'Aosta, Augusto Rolandin.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlos01

    26 Marzo 2009 - 10:10

    ho letto che alcuni presidenti hanno lasciato la seduta tipo Bassolino lui dovrebbe lasciare la Campania e cercarsi un lavoro come netturbino e anche qulacun altro della sua spece spero in via di estinzione lui il federalismo lo intendo nelle tasche sue ed amici

    Report

    Rispondi

  • benso_ergo_cavour

    25 Marzo 2009 - 16:04

    Non si può da un lato essere paladini del decentramento federalista con aumento di peso delle autonomie regionali/comunali e dall'altro indispettirsi se le regioni o anche solo alcune di esse non approvano (in materie parzialmente di loro competenza) le decisioni del governo centrale. E ancora di più questo fenomeno di distinzione di competenze si acuirà con il progredire in senso federalista delle meaterie da riservare alle autonomi locali. Ma insomma siete federalisti o centralisti? Chiaritevi.

    Report

    Rispondi

  • gedeonelibero.it

    25 Marzo 2009 - 15:03

    Ma perchè, ci si aspettava che i presidenti delle regioni rosse dicessero si? Ma per favore... Il Governo vada avanti per la sua strada senza farsi intimidire da questi e tantomeno da Napolitano il quale ultimo non perde occasione per rammentare da quale parte politica proviene, altro che il Presidente di tutti gli Italiani. Il piano casa serve per rilanciare l'economia e la maggioranza del Popolo lo approva.

    Report

    Rispondi

blog