Cerca

Il discorso di Silvio

apre il congresso PdL

Il discorso di Silvio
 Silvio Berlusconi prenderà per due volte la parola nel corso del Congresso fondativo del PdL: aprirà "le danze" quest'oggi e chiuderà il meeting domenica. Il primo intervento del Cavaliere, previsto oggi pomeriggio, sarà quello più sostanzioso. La prima bozza del discorso, scritta di suo pugno dal leader del PdL, secondo fonti vicine al governo contava oltre quaranta cartelle. Probabile nelle prossime ore venga un po' "asciugato", ma difficilmente l'intervento di Berlusconi durerà meno di due ore. Il discorso ripercorrerà varie tappe fondamentali: dalla decisione di entrare in politica, nonostante i suoi più stretti consiglieri glielo sconsigliassero caldamente, tema rispetto al quale il presidente del Consiglio ribadirà di aver preso la sua decisione per amore del Paese e per difendere la libertà dai "comunisti". Difficile dire come il Cavaliere si porrà nei confronti di Gianfranco Fini, ma è probabile che qualche riconoscimento all'alleato, soprattutto dopo le tensioni che hanno caratterizzato gli ultimi giorni, sarà concesso. Non mancheranno battute e aneddoti. Così come staffilate all'indirizzo di critici e oppositori. In perfetto Berlusconi-style.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LuigiFassone

    28 Marzo 2009 - 10:10

    Chissà se,prima di tirare le cuoia,riuscirò a capire perchè uno si offende se altri lo chiamano comunista. Io mica mi offenderei,se fossi stato fascista (o dintorni) e tale mi chiamassero !Il riferimento ai commenti di GBalsamo è davvero casuale.

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    28 Marzo 2009 - 10:10

    Si dice: Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei ma spesso non basta, infatti, ci vogliono testimoni, visto che in Italia, se ti trovi in difficoltà, sei nei guai: Tired che ti accusano? No, anche l anticpolitica, quella sporca, che Berlusconi dopo l uscita in Politica è stato oggetto pesantissimo! Così Franceschini l esecutore risponde: Usa gli stessi slogan del 1994! Inutile, dare un giudizio di chi ancora crede nelle favole o farne un leader in un lontano futuro di chi si ostina a mentire a se stesso, no? I Comunisti per il Cavaliere non Stato fobia ma vera malattia, curata con tanti avvocati e soldi, come lo fu in parte, ma agevolata, lo fece Andreotti per difendersi d essere il Capo dei capi! Zio Giulio, bestia nera e grande vecchio della Politica, ma nella DC, ma non il solo. Ora, la Sinistra cosa sanno di Berlusconi? Niente? No, proseliti demonizzatori esperti figli d arte di Marx! Per questo, l ha fatto così grande che, solo l età lo frega, salve che non riesca a trovare il rimedio come i suoi capelli e fregarli alla grande, diventare pure ossessione per i Sinistri poiché, sentito Franceschini nel PD non gli restano che piangere O vero, Paisà? Ma comme songono cambiete le couse, Picciriè? vincenzoaliasilcontadino@gmail.com Matera

    Report

    Rispondi

  • GBalsamo

    27 Marzo 2009 - 19:07

    ahahahahahhah in bocca al lupo agli italiani, altro che!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • gedeonelibero.it

    27 Marzo 2009 - 16:04

    Auguri sinceri a Berlusconi ed a tutto il PDL. A Gbalsamo dico per l'ennesima volta vade retro in repubblica-blog.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog