Cerca

Standing ovation per Brunetta

"Un palco alla mia altezza..."

Standing ovation per Brunetta
Standing ovation e un minuto di "Re-na-to Re-na-to". Il ministro si è commosso, sul palco del Congresso: è lui, finora, il ministro più acclamato di tutti. Almeno a giudicare dalla reazione della platea. Se è vero infatti che numerosi responsabili degli altri dicasteri devono ancora parlare, è altrettanto vero che il ministro della Funzione pubblica, non appena è salito sul palco, è stato salutato da una vera e propria standing ovation. Lui, inquadrato sui maxi-schermi, è apparso visibilmente commosso, con gli occhi lucidi e arrossati. Ma se l'è cavata con una battuta autoironica: «Finalmente un podio della giusta altezza...».
Cattocomunisti- «Il peggio della storia italiana sono i cattocomunisti aveva detto parlando con i giornalisti nella sala stampa allestita nel padiglione 6 della Fiera. Il ministro non usa mezzi termini per criticare l'opposizione: «Il vero centrosinistra era un'altra cosa: era il centro con la sinistra riformista. Il Pd non è centrosinistra, è la sinistra. Semmai, è la sinistra al centro: è il peggio della tradizione culturale, politica, storica italiana. Sono i cattocomunisti, sono sempre loro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • swiller

    31 Marzo 2009 - 13:01

    D'accordo per l'applauso (cosi si dice in italia) ma credo che il ministro Brunetta per quanto riguarda il pubblico impiego abbia risolto solo lo 0,00001% DEL PROBLEMA.

    Report

    Rispondi

  • jack1980

    31 Marzo 2009 - 13:01

    Re-na-to la pros-si-ma vol-ta che qu-al-cu-no us-a le mac-chi-ne blu per com-pra-re i bi-gli-et-ti di un-a par-ti-ta di cal-cio, dimettiti!

    Report

    Rispondi

  • ennio.tironi

    30 Marzo 2009 - 18:06

    Un grande plauso ad un grande UOMO Non sempre le dimensioni anatomomorfologiche corrispondono alla grandezza interiore.I grandi della Storia spesso non erano degli ammassi corpulenti, ma dei giganti intellettivi, e Lei Ministro tra questi assume sicuramente un posto di eccellenza!!! Prosegua così e ci liberi da quella massa di raccomandati, incapaci e immeritevoli che frenano lo sviluppo del Paese, pensando di poter sopravvivere attaccati alle loro seggiole, cattedre e quant'altro. Ennio Tironi

    Report

    Rispondi

  • micael44

    30 Marzo 2009 - 17:05

    Ma come! Li avevamo vecchi e li abbiamo voluti giovani; ora sono giovani e diciamo che sono inesperti! Egregio Angelo un governo è una squadra e se la squadra è buona qualsiasi disegno viene sottoposto al parere di altri. Nessun ministro, anche se giovane, butta giù una legge e la porta direttamente in parlamento, non ti pare? Quindi il pedigree, le credenziali, i curricula,la gavetta servono fino ad un certo punto. Basta l'onestà, un minimo di cultura, tanta dedizione e l'amore per il proprio Paese per fare un buon ministro...anche se trentenne!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog