Cerca

I vescovi a Fini: la Chiesa

non auspica lo Stato etico

I vescovi a Fini: la Chiesa
Nemmeno la Chiesa vuole uno Stato etico. Parola del segretario generale della Cei, monsignor Mariano Crociata. Il segretario si riferisce alle parole di Gianfranco Fini, pronunciate sabato durante il suo discorso al congresso del Pdl. Fini aveva detto: «Siamo proprio sicuri, amici del Pdl, che il ddl sul testamento biologico approvato al Senato sia davvero ispirato alla laicità? Perché una legge che impone un precetto è più da Stato etico che da Stato laico». Nemmeno per la Chiesa, dunque, va bene  lo Stato etico. Perché questa, spiega ancora il monisgnore, è una forma che «in altre situazioni serve a giustificare comportamenti contrari alla libertà di opinione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    01 Aprile 2009 - 12:12

    Mazzini aveva appeso un cartello alla porta della sua casa:"Vietato l'ingresso ai preti e ai cani". Chiara allusione alla sua idiosincrasia per gli abiti talari che ancora detenevano il potere temporale nell'Italia di quel tempo.Purtroppo sembra che molti di essi abbiano nostalgìa del potere temporale e non si rassegnino all'idea di lasciare le decisioni di legiferare al popolo sovrano(?) e ai suoi rappresentanti in terra invece che ai santi in cielo.Perchè il vero credente,applicherà sempre i dettami della chiesa, non quelli dello stato,etico o meno etico che sia,quindi che lascino agli altri(i non credenti) il diritto di decidere di loro stessi.Amen e sia lodato Gesù Cristo.

    Report

    Rispondi

  • enricosecondo

    31 Marzo 2009 - 18:06

    Certo che i Preti girano la frittata come gli pare e da 2000 anni la fanno in barba ad ogni evoluzione. Sotto ogni bandiera hanno coltivato il loro orto, hanno imposto per secoli il loro punto di vista e in Italia continuano spudoratamente a farlo ma salta fuori il monsignore di turno che dice serenamente: Non scherzerete mica, la Chiesa mai vorrebbe uno stato etico, infatti non ha imposto alla Dc il referendum sul divorzio e poi sull'aborto, non ha condizionato i cattalici a varare l'obbrobrio della legge 40, sui Dico hanno fatto peste e corna, adesso tramano con successo sul testamento!?!? biologico. Che buoni e bravi che sono. Figuriamoci se volessero uno Stato etico, poveri noi. .

    Report

    Rispondi

  • gmarcosig335

    31 Marzo 2009 - 16:04

    Come ho avuto modo di rispondere al Dir.Feltri sul Fini risorto, vedo che neanche i Cattolici, che sono tanti nel PDL,su Fini c'è, per ora tanta fiducia. Avevo detto e lo confermo anche ora, che Fini dovrà "mangiare tanta pastasciutta" ancora per pretendere la Leaderschip del PDL. Quello che manca a Fini è l'umiltà e quell'equilibrio politico che lo distingue da un comune Deputato. Per essere Leader bisogna saper unire alle capacità dialettiche anche la capacità di mediare e rappresentare tutte le istanze della propria Forza Politica. Troppo lontano è ancora da queste caratteristiche politiche.

    Report

    Rispondi

blog