Cerca

Cei, accordo con le banche

per un fondo per i poveri

Cei, accordo con le banche
Franceschini a parole, la Cei con i fatti. Se il segretario del Pd aveva fatto appello al governo affinché intervenisse a favore dei poveri, la Conferenza episcopale italiana interviene concretamente a favore delle famiglie più bisognose. Grazie a un accordo con l'Abi la Cei ha infatti istituito un fondo di garanzia da circa 30 milioni di euro in grado di generare prestiti bancari per 300 milioni. Potranno farne richiesta le famiglie regolari con tre figli o malati a carico che abbiano perso ogni fonte di reddito.
Il meccanismo posto in atto dalla Cei è stato illustrato dal segretario generale della Conferenza episcopale, mons. Mariano Crociata: il fondo sarà finanziato con una colletta nazionale che si terrà in tutte le chiese italiane domenica 31 maggio, solennità di Pentecoste, ma vi si potrà contribuire anche per altre vie, per esempio attraverso conti correnti bancari da istituire ad hoc, in modo da favorire "azioni di solidarietà dentro e fuori dalla comunita' ecclesiale". Potranno accedervi, attraverso i centri Caritas delle parrocchie, le famiglie regolari, anche straniere e non cattoliche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LuciaRosi

    01 Aprile 2009 - 15:03

    A chi, agli extracomunitari??? Ma,forse, qualche briciola toccherà anche agli italiani!Magari ai pensionati con i figli a carico? Forse no, se non ne avranno almeno 3 a carico!! Ma poi, i pensionati sono vecchi, possono anche far la fame e, magari, morire!

    Report

    Rispondi

blog