Cerca

Al G20 trovato l'accordo

Lista nera dei paradisi fiscali

Al G20 trovato l'accordo
Passa la linea Sarkozy-Merkel: il mondo avrà una lista nera di paradisi fiscali, e chi non rispetterà le regole verrà multato. Uno dei temi più controversii del vertice di Londra è dunque risolto. Alcuni paesi, tra cui la Cina e diverse nazioni europee, avevano pensato di opporsi all'istituzione di una «black list» internazionale. Sembra invece che con il procedere delle ore sia stato trovato un accordo per imporre sanzioni ai Paesi che non si adegueranno ai nuovi regolamenti sulla trasparenza finanziaria decisi a Londra. «Sarà l'Ocse a pubblicare in un vicino futuro la lista nera dei paradisi fiscali», è la linea emersa da fonti vicine ai lavori del G20, che stanno anticipando quello che dovrebbe essere scritto nel comunicato finale. «Ci sarà una lista nera - spiegano - una lista grigia e una lista bianca, a seconda di coloro che concorderanno le regole dell'Ocse sulla condivisione delle informazioni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pitalo

    03 Aprile 2009 - 14:02

    Speriamo davvero che quest'incontro sia servito a qualcosa. A me non sembra, si sarebbe potuto far molto di piu'.Si e' deciso di stampare altra moneta ma per darla a chi?

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    03 Aprile 2009 - 14:02

    Come si sa i miliardi che arricchiscono i criminali sono tanti e hanno anche vita facile per giurisprudenza non prudenza d alcuni Magistrati e Cassazione accaniti chissà, contro Berlusconi persino con evidenza d accanimento, vedono il caso Mills, così stupido e stipiti che perdono tempo e denari pubblici, invece, bastava la testimonianza in diretta tv mixer che gli interessati che, raccontavano le cose non come affermava la procura, ma come versione Berlusconi e lo stesso Mills per dire al Cavaliere: Mai stato corrotto, chiedo scusa Presidente Berlusconi Poi, nota chi ammazza tanti bambini vederlo fuori, chi stupra e la sera lo vedi ripetere il reato ancora! Speriamo che contro la camorra, mafia e la ndrangheta, gli inquirenti usino strumenti non convenzionali come per esempio gli hacker, hardware, software per svuotare cc di questi Paradisi fiscali, ora faranno una lista nera, ma a noi che frega? Forse, non sono proprio loro, in altre parole; questi Paesi UE, USA e resto del mondo a farli ingigantirli? Intesi che si trovano sotto chi li governano Magari sotto la regia ONU o gli stessi UE ed USA che si può dire fine di questi PARADISI, che sono veri inferni dei criminali! Invece, quando vedi un qualsiasi film o notizia, si scopre che i nostri spremuti soldi, si trovano sempre ai vicini Svizzera, Montecarlo, Liechtenstein o ai Caraibi. http://it.wikipedia.org/wiki/Paradiso_fiscale vincenzoaliasilcontadino@gmail.com MT

    Report

    Rispondi

  • GBalsamo

    02 Aprile 2009 - 21:09

    Ero con te al cesso!Della regina a me proprio non me ne può fregar di meno, tanto meno ammirarla (magari quarant'anni, fa ma non era sta gran gnocca....)

    Report

    Rispondi

  • uycas

    02 Aprile 2009 - 18:06

    tanto trovata la sanzione x i tax Heaven trovata la scappatoia, se prima erano in Province e Domini di oltre mare Europei o Usa, adesso metteranno paradisi fiscali in Africa od Asia. L'idea non sarebbe male, potrebbe essere un sistema per raccogliere soldi in investimenti per il 3° mondo, peccato che quei governanti investono tutto in Armi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog