Cerca

Maxi terremoto in Abruzzo

Almeno venti morti

Maxi terremoto in Abruzzo
 La misura della gravità del terremoto che ha colpito l'Abruzzo sta nelle parole di Guido Bertolaso, capo della Protezione Civile: «Situazione drammatica, è la peggiore tragedia di questo millenio». Un terremoto devastante, 5,8 gradi della scala Richter, ha colpito la regione del centro Italia stanotte poco dopo le tre e mezza. Almeno tredici persone, tra cui 4 bambini, hanno perso la vita. Il conteggio purtroppo sembra inevitabilmente destinato a salire. Centinaia sono i feriti, migliaia gli sfollati. L'Aquila è una delle città maggiormente colpite: è crollata parte della Casa dello Studente e il campanile di una chiesa nel centro. L'Hotel Duca degli Abruzzi è completamente crollato. La struttura in cemento armato è praticamente collassata e l'edificio si è accartocciato su se stesso. Il premier Silvio Berlusconi si prepara a firmare il decreto per lo stato d'emergenza nazionale. «L'alba sta sorgendo su una regione provata - ha detto il sindaco de L'Aquila - abbiamo fughe di gas, notizie di molti crolli in città, ma dai 38 comuni ci sono notizie frammentarie, al centro della Protezione civile che abbiamo allestito in un cinema stiamo predisponendo soccorsi per tutti. È crollata anche la sede del centro di emergenza che avevamo. Continuano le scosse di assestamento, anche forti. Ci arrivano notizie di crolli ma i dati sono frammentari».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piero1939

    05 Gennaio 2010 - 21:09

    sono molto dispiaciuto. auguri a tutti i disagiati. per favore non date la colpa a berlusconi.

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    06 Aprile 2009 - 10:10

    Molte volte una notizia, può arrecare più danni della catastrofe stessa: ma se come dice l esperto il gas può essere rivelatore, si deve avviare uno studio, salvo approvazione d altri massimi esperti. Resta fermo che Bertolaso riprende chi lancia notizie false, visto che la catastrofe prevista, il 31, quanti miliardi spesi per persone da mettere in salvo e in quale parte? Ora non ci resta che aiutare tutta questa gente, l avvio alla ricostruzione e controlli di sciacalli speculatori siano verificati mille volte, anche se apparentemente con certificazioni a posto. vincenzoaliasilcontadino@gmail.com Matera.

    Report

    Rispondi

blog