Cerca

Il sismologo Pasquarè

"Impossibile prevederlo"

Il sismologo Pasquarè
Inutile nasconderlo: sono passate poche ore da quando la prima pala è stata affondata nelle macerie dell'Abruzzo, e già la politica è sul terreno. L'accusa dello scienziato del Gran Sasso è già stata portata in parlamento. Lo ha fatto per prima la senatrice radicale del Pd, Donatella Poretti, in un'interrogazione ai ministri dell'Interno e dell'Università. La senatrice ricorda che presso i Laboratori nazionali del Gran Sasso dell'Istituto nazionale di fisica nucleare è in funzione una strumentazione che potrebbe essere in grado di anticipare il verificarsi di un terremoto fino a 6-24 ore prima. La scorsa settimana il ricercatore Giuliani aveva annunciato un terremoto disastroso, «ma il capo della protezione civile Bertolaso - scrive Poretti - lo aveva apostrofato come uno di "quegli imbecilli che si divertono a diffondere notizie false". Ne era seguita una accusa di procurato allarme». La senatrice chiede al governo «quale valutazione scientifica intende dare dello studio del comportamento dell'elemento chimico chiamato Radon, trovandosi tali apparecchiature nei Laboratori del Gran Sasso (Lngs); quali finanziamenti vi sono stati destinati e che rapporti intercorrono tra questi Laboratori e la Protezione Civile». Sulla prevedibilità o meno del terremoto, dunque, la polemica è partita. E  secondo quanto dice a Ilsussidiario.net  (www.ilsussidiario.net) Giorgio Pasquarè, sismologo dell’Università degli Studi di Milano, le cose non sono così semplici come si vorrebbe fare credere. Ecco l'intervista al sismologo.

Professor Pasquaré, al di là delle polemiche più o meno utili in un momento così drammatico, i terremoti di questo tipo sono prevedibili?
Queste cose non sono prevedibili quasi mai veramente, o, per lo meno, lo sono in una scala molto ampia. Ad esempio: sappiamo che tutto il settore tirrenico dell’Italia in questo momento è a rischio terremoto perché si sta muovendo. Da qui a dire se colpirà delle città o addirittura quali città e con quale e quanta intensità ne passa. Ora come ora da un punto di vista scientifico prevedere un disastro come quello appena occorso è pressoché impossibile.

Quindi ha ragione Guido Bertolaso quando afferma che non si poteva immaginare l’intensità di un simile disastro sebbene ci fossero state scosse precedenti?
Ha ragione Bertolaso in quanto direi che sappiamo già, come ho detto, quali siano le aree sismiche del nostro Paese, ma poi dire in quale epicentro è in arrivo un tipo di sciagura come questo non si può proprio. Quanto era stato detto riguardava una zona comunque ampia e non la città de L’Aquila in sé. In queste zone l’unica possibile soluzione consiste nell’investire in strutture abitative e architettoniche antisismiche. Tutto il blocco del Gran Sasso è in movimento verso l’Adriatico. Questo significa che occorre che tutti i conglomerati urbani esistenti in quest’area dovrebbero munirsi di un’adeguata prevenzione a livello di strutture. 

Il fatto che però nei giorni precedenti si siano verificate numerose scosse nell’area colpita non significa davvero nulla?
Sì, in generale i movimenti precursori sono significativi, ma, occorre precisare: indicano per lo più l’arrivo di un terremoto, non la sua intensità. Basandoci in particolar modo sulla statistica possiamo prevedere – la maggior parte delle volte però, non tutte – l’insorgere di fenomeni di questo tipo. E solitamente, quando questo avviene, scatta l’allerta generale. In Italia abbiamo sismologi molto bravi, come ad esempio quelli che lavorano per l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. È un istituto molto aggiornato e “agguerrito” e difficilmente si lascia “scappare” un terremoto. Sicuramente avrebbero agito in tempo se il disastro fosse stato prevedibile. Questo però non garantisce comunque, come ovvio, dall’imprevedibilità.

Prevede, a proposito, che ci saranno altre scosse nelle prossime ore?
Ecco, questo è invece un dato abbastanza certo e sul quale occorre vigilare. Quasi sicuramente infatti ci saranno le cosiddette “repliche”, dopo il “botto” principale, che avvengono dopo tutti i terremoti. Questi ultimi infatti non sono altro che degli scompaginamenti della crosta terrestre la quale si “rimette a posto” dopo la scossa principale che mette in movimento blocchi crostali di grandi dimensioni. È dunque ovvio che un sommovimento così grande abbia bisogno di assestarsi per poi placarsi definitivamente. A volte, per fortuna assai di rado, queste scosse di assestamento raggiungono livelli uguali o addirittura di poco peggiori della scossa principale, ma, ripeto, per lo più ciò non avviene.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog