Cerca

Libero raccoglie fondi

per i terremotati

Libero raccoglie fondi
Il nostro giornale ha deciso di dare il via a una raccolta fondi. Potete contribuire inviando un bonifico con causale:

PRO-TERREMOTATI REGIONE ABRUZZO
CODICE IBAN  IT49T0504801643000000002128  
      

BANCA POPOLARE COMMERCIO & INDUSTRIA

FILIALE DI MILANO PIAVE AG. 2128 CONTO CORRENTE  N.2128.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rodal

    16 Novembre 2009 - 13:01

    Buon giorno, la ditta presso la quale lavoro ha versato un contributo a favore dei terremotati dell'Abruzzo tramite il Vs. giornale. Vorrei sapere da Voi se tale donazione è deducibile dato che da quel che so il beneficio si applica alle erogazione effettuate tramite enti no proft e statali. Non so se tra le finalità del Vs. statuto sono previsti anche interventi umanitari in favore di popolazioni colpite da calamità o altri eventi straordinari. Il versamento è già stato effettuato per cui la domanda ha il solo scopo applicare o meno la deducilità.

    Report

    Rispondi

  • ninfalunare

    11 Agosto 2009 - 00:12

    Salve lettori di Libero,egregio Sig.Direttore...vi scrivo per ringraziarvi davvero delle buone intenzioni..ma mi associo con amarezza ai commenti postati in incipit a questa raccolta-rubrica.Sono una ragazza di L'Aquila..studio Fisica in una Università romana...mi sto interessando alla questione terremoto da qualche mese prima che avvenisse l'evento catastrofico del 6 Aprile..e ho scoperto cose allucinanti..scienziati minacciati ed inascoltati..finanziamenti elargiti agli stregoni di turno che vantano di prevedere tutto e il contrario di tutto...ricostruzione affidata in gestione proprio alla gente che ha minacciato scienziati autori di studi che avrebbero potuto consentire una messa in sicurezza preventiva della nostra città..ben dieci anni fa..esorto gli italiani a non versare un euro per "la causa aquilana" perchè ci stanno mangiando sopra le solite persone..non si sa che fine facciano i fondi pervenuti..sui gironali locali escono dichiarazioni false e pericolose di "non si sa chi" che mirano a tranquillizzare la popolazione..quando non c'è nulla da stare trranquilli in quanto non è assolutamente possibile allo stato attuale sostenere che tutte le faglie presenti nell'aquilano stiano facendo una sequenza di assestamento.definire il nostro sindaco Cialente e la Pezzopane "loschi figuri" che sostengono la causa delle seconde case è dire poche..ma il problema è che il centro storico era fondamentalmente costituito di seconde case..che appartenevano alla cosiddetta L'Aquila BENE..quella che ha potere economico e quindi anche politico..si pensi che circa il 70% degli aquilani hanno un impiego pubblico..ottenuto grazie al clientelismo locale..per non parlare della vergognosa proposta della tassa di scopo,che farebeb pagare a tutti gli italiani quel che i nostri amministratori non hanno fatto.Italiani..non spedite più neppure un centesimo!Vedete se possibile il DVD " Sangue e Cemento" e leggete 3:32 di Paolo Mastri... http://www.cityrumors.it/cronaca/l-aquila/laquila-tensostruttura-farmindustria-facolta-di-scienze-giornata-di-studio.html Grazie mille...di cuore...chiedo scusa per i responsabili di tutto questo schifo

    Report

    Rispondi

  • adaniel

    04 Agosto 2009 - 19:07

    Nella immediatezza del terremoto io inviai 2 contributi, quello che la mia condizione di pensionato mi ha permesso- Ma ora non invierei un euro nemmeno se fossi ricco- L'ingratitudine, la iattanza con cui pretendono tutto e subito, non aver mai detto grazie, le sfilate dietro qulll'inquietante figuro del loro sindaco perchè pretendevano SUBITO i soldi anche per la SECONDA casa dei NON residenti mi hanno dato il voltastomaco- Non pensano che ci sono persone che non hanno mai avuto nemmeno una prima casa in tutta la loro vita? Vergognatrevi abbruzzesi!!!!

    Report

    Rispondi

  • boraco

    10 Luglio 2009 - 12:12

    NESSUNO PRETENDE LA TUA SENSIBILITà!!!!SE NON ERRO GLI AIUTI PER LA CAMPANIA E BASILICATA DEL 1980 FURONO ALTRESì SOMME INGENTI PER SOSTENERE LA RICOSTRUZIONE E GLI AIUTI MORALI.I FONDI PUBBLICI PER QUANTO MI RISULTA SONO STATI DIREI RILEVANTI E CONSISTENTI,LO STATO HA PROVVEDUTO NONOSTANTE ANCHE ALLORA CI FOSSE UN GRAVE PROBLEMA ECONOMICO.DOVRESTI ESSERE INFORMATO SUL PERCHè DI TANTA INADEMPIENZA (SE COSì VUOI DEFINIRLA),CERTO I SOLDI NON SONO MAI ABBASTANZA CONSIDERATO CHE ANCHE LE PERSONE HANNO UNA DIGNITà,MA TU SAI QUANTO DENARO SERVE PER UNA RICOSTRUZIONE TOTALE E IMMEDIATA?IO CAPISCO E COMPRENDO IL TUO PUNTO DI VISTA PERALTRO UMANO:MA TIRARSI INDIETRO PROPRIO ADESSO NON MI SEMBRA CHE COERENTE DATE LE TUE AFFERMAZIONI!!SE TI SENTI COSì SENSIBILE E DISPONIBILE PERCHè NON COINVOLGERTI IN QUESTO PROGETTO?MAGARI PUOI FARLO ANCORA PER LA CAMPANIA E LA BASILICATA,C'è SEMPRE POSTO PER LE PERSONE ANCORA OGGI BISOGNOSE.NULLA DI PERSONALE E TI CAPISCO MA NELLA VITA I VERI MERITI SI HANNO CON LA PROPRIA COSCIENZA E CIò CHE VIENE FATTO DEVE ESSERE ASSOLUTAMENTE INCONDIZIONATO.CIAO.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog