Cerca

Lo sciacallaggio sarà reato

Due fermati con 80mila euro

Lo sciacallaggio sarà reato
Lo sciacallaggio sarà perseguito e diventerà reato. L'annuncio è stato fatto dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, durante la conferenza stampa tenuta questo pomeriggio a l'Aquila, dove il premier si è recato per il terzo giorno consecutivo, per monitorare la situazione e dare sostegno alle vittime del terremoto che ha colpito l'Abruzzo nella notte tra domenica e lunedì scorsi. "A proposito dello sciacallaggio", ha sottolineato il capo del governo, "è stato messo a punto un nuovo reato da parte del ministro della Giustizia Alfano. Le pene saranno molto severe". Dal canto suo il ministro della Difesa Ignazio La Russa si è detto disponibile a mettere in campo l'esercito per far fronte al fenomeno.
E mentre lo sciacallaggio si appresta a diventare reato, due sciacalli sono stati fermati a Onna, uno dei comuni distrutti dal terremoto: i due, di nazionalità italiana, erano in possesso di un bottino da 80mila euro.
E mentre la Protezione civile lancia mette in guardia e parla di "sciacalli provenienti da diverse parti d'Italia", le Forze dell'ordine affermano che al momento negli appartamenti dell’Aquila abbandonati non risultano azioni di sciacallaggio. I carabinieri hanno avuto sei segnalazioni, ma tutte con esito negativo. La vigilanza diurna e notturna è stata concentrata nei luoghi più colpiti dal terremoto e in particolare nel centro storico dell'Aquila. Oltre mille gli uomini delle forze dell'ordine sono impegnati dentro la città e nei paesi colpiti dal terremoto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    10 Aprile 2009 - 10:10

    Vedo che ha fatto il post proprio nel posto a lei più congeniale,cioè dove si parla di sciacallaggio.Sono esterefatto,non avrei mai pensato che Berlusconi ora fosse accusato anche di efficientismo.Madonna mia,dove può arrivare l'odio e l'imbecillità della gente!Con tutti i gravissimi problemi che ci sono da risolvere per la gente terremotata,questo qui mi viene a parlare di approccio compassionevole,neanche fosse un prete.Ma vada a....

    Report

    Rispondi

  • bimbomix

    08 Aprile 2009 - 19:07

    Il commento delle 18:39 lascia esterefatti. Non si perde occasione per sputare sentenze fuoriluogo e meschine. Per farmi del male ho persino letto il blog del grilloparlante che,ovvimente, sputa insulti sulla protezione civile. Per fortuna la maggior parte degli italiani appartiene ad un'altra razza.Arroganti ,ignoranti e parachiappe farebbero bene a tenere la bocca chiusa,almeno in questi momenti.

    Report

    Rispondi

  • fabiog

    08 Aprile 2009 - 18:06

    beh, tra i primi che saranno colpiti dal nuovo reato ci potrebbe essere lo stesso Berlusconi per la sua azione di sciacallaggio morale che sta attuando intorno alla disgrazia del terremoto, cavalcando lo spazio mediatico con il manifesto intento di dimostrare continuamente l'efficacia, la velocità, i record suoi e del governo, quasi sempre dimenticando il necessario approccio compassionevole nei confronti di chi subisce questo trauma; tutto preso da un efficientismo che spesso trasforma in un ottimismo più che mai fuori luogo.

    Report

    Rispondi

  • francescolibero

    08 Aprile 2009 - 17:05

    Da lasciare in mano alla gente del posto. E quando hanno finito, dargli una pala e metterli a lavorare 14 ore al giorno e gratis!

    Report

    Rispondi

blog