Cerca

Silvio: "I mille clandestini

non saranno liberi"

Silvio: "I mille clandestini
Nella maggioranza «c'è stato un chiarimento, con piena soddisfazione del ministro Maroni». Lo dice Silvio Berlusconi, parlando del decreto sicurezza in una conferenza stampa a Palazzo Chigi. Il presidente del Consiglio spiega che «c'è l'assoluta necessità di non far decadere il decreto» e tra l'emergenza terremoto e altre questioni, bisogerà «recuperare» le norme. «Bisogna assolutamente far sì che non ci sia l'evenienza di mettere in circolazione oltre mille clandestini» e il governo si impegna, sottolinea il premier, ad «anticipare i rientri» in patria.  «La maggioranza -spiega Berlusconi- ha espresso la piena condivisione della politica di sicurezza messa in atto da Maroni». «Stiamo lottando con il calendario, perchè questo decreto -ricorda il premier- scade il 26 di aprile e abbiamo l'assoluta necessità di non farlo decadere, tra l'emergenza del terremoto, alcune situazioni locali per le elezioni amministrative e le vacanze di Pasqua...». «Credo che queste situazioni -garantisce il Cavaliere- riusciremo a recuperarle in maniera assolutamente certa e vedremo di far sì che non ci sia l'evenienza di un'apertura di questi centri a oltre mille clandestini extracomunitari, che sarebbero così liberi di circolare nel nostro paese». «Anch'io -dice Berlusconi- mi sono assunto la responsabilità di accelerare i rimpatri, perchè ci sono diverse centinaia di persone di un particolare paese con cui abbiamo particolari rapporti di amicizia, per cui ci daremo da fare in questi giorni per anticipare i rientri che erano già nei programmi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 2009SP

    10 Aprile 2009 - 10:10

    Ma quali vacanze di Pasqua!!! In questi momenti rimanete in Parlamento a lavorare, una volta tanto!

    Report

    Rispondi

blog