Cerca

La commozione di Silvio

tra i parenti delle vittime

La commozione di Silvio
Non ha scelto un posto d’onore, Silvio Berlusconi, per partecipare ai funerali di Stato delle vittime del terremoto che ha devastato l’Abruzzo. Il presidente del Consiglio ha scelto infatti di prendere posto tra i parenti, ha stretto loro le mani con gesto affettuoso e ha rivolto parole di conforto. Il Cavaliere ha anche voluto salutare personalmente tre giovani in ginocchio vicino a due delle bare disposte in lunghe file e come un padre affettuoso ha dato loro un bacio sulla fronte. «Non in ginocchio, ma a schiena dritta», con queste parole il premier ha concluso un breve incontro con un giovane parente di una vittima del terremoto al quale si era avvicinato, come aveva fatto con altri, prima della cerimonia. Il giovane era in ginocchio in corrispondenza della bara di un parente, posta in seconda fila. Il Cavaliere si è inchinato e ha scambiato qualche parola con lui, il ragazzo gli ha indicato la bara.
Durante la cerimonia funebre il capo del governo è apparso molto emozionato: non è riuscito a trattenere le lacrime, appoggiando le mani sullo schienale di una sedia dell'ultima fila del settore autorità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • uycas

    12 Aprile 2009 - 17:05

    un uomo politico non deve avere sentimenti pubblici deve essere impeccabile, soprattutto di mentalità Weberiana. Il politico deve essere appoggiato da un partito che ha delle idee e delle ideologie e non solo un contenitore che rappresenta elettorati vari e centri di potere di affaristi che sarebbero a volte imprenditori privi di morale, l'etica a modo loro esiste ed è quella del distruggere ambiente, cultura e territorio pur di fare soldi ed arricchirsi senza rispettare le leggi. buona Pasqua a tutti e che Fini in Parlamento provveda a tutti noi!

    Report

    Rispondi

  • kinowa

    11 Aprile 2009 - 17:05

    Certamente a sinistra non comprendono che un uomo politico abbia dei sentimenti umani,la commozione non è nel loro DNA. Qualsiasi azione che loro fanno è finalizzata per ottenere consensi elettorali. Perfino dopo la guerra il signor Togliatti gioiva per i dispersi in Russia, dicendo, più vittime ci sono e più odieranno il fascismo. l'equazione era ogni morto in Russia diversi voti per lui da parte di chi li piangeva. Con questi padri? Cosa si può aspettare dai figli? Addirittura oggi, pur di stare al governo, si fingono anche liberali e pro industriali. IPOCRITI

    Report

    Rispondi

  • kinowa

    11 Aprile 2009 - 17:05

    Non ho guardato santoro in realtà cambio canale anche quando c'è il promo della trasmissione. Sapevo già che la sua trasmissione avrebbe faziosamente ricercato il pelo senza minimamente accorgersi del trave nei suoi occhi. Dinnanzi al buon comportamento del governo e della protezione civile, avrà sicuramente ricercato responsabilità, solamente fra gli uomini di Berlusconi. Se non riesce a trovare nulla si attaccherà al cibo scotto fornito dalle mense oppure al fatto che i pompieri lavorano con gli stivali sporchi.

    Report

    Rispondi

  • uycas

    11 Aprile 2009 - 17:05

    me lo dice anche mia mamma, ma ritengo che la destra possa anche cambiare ed essere più moderna, meno affarista, più liberale, solamente laica e soprattutto più civile rispettando i diritti di tutti. x quanto riguarda l'immigrazione appoggio tremaglia quando disse che anche gli extracomunitari hanno dignità e noi dobbiamo aiutarli e rispettarli x dargli quello che i nostri immigrati non hanno avuto quando espatriavano

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog