Cerca

Nomine Rai, Berlusconi

chiede volti nuovi

Nomine Rai, Berlusconi
Il toto nomine in Rai continua a tenere banco dopo che si è liberata la poltrona del direttore del Tg1, con Gianni Riotta sbarcato al Sole 24 Ore al posto di De Bortoli. Per mercoledì 29 aprile è previsto il passo decisivo dal consiglio di amministrazione, per quanto rimangano alcuni nodi da sciogliere.

Vertice nella maggioranza - Nel frattempo Lega e Pdl si sono riuniti a pranzo ieri alla presenza di Silvio Berlusconi, al quale hanno partecipato i ministri Roberto Maroni e Roberto Calderoli per la Lega, mentre il Popolo della libertà era rappresentato da Andrea Ronchi, Fabrizio Cicchitto, Italo Bocchino, Maurizio Gasparri, Gaetano Quagliariello, Paolo Romani (sottosegretario alle Comunicazioni) e Aldo Brancher (Riforme.)
I nomi che circolano sono quelli di Clemente Mimun (attualmente direttore del Tg5) al Tg1, Mario Orfeo o Augusto Minzolini al Tg2, Piero Vigorelli al TgR (la testata regionale di via Mazzini) e, forse, Antonio Caprarica al Tg3.
Nella lista compare pure Carlo Rossella, che potrebbe approdare a Rai Fiction, mentre Antonio Di Bella passerebbe dalla direzione del Tg3 a quella dell’intera terza rete Rai.

La telefonata che non c'è stata - Nelle ore scorse si è parlato anche di una telefonata tra Gianni Letta e Dario Franceschini per un accordo. Il Pd ha smentito, dichiarando che non c’è stata alcuna chiamata “né ci sarà mai”, ma Antonio Di Pietro ha comunque attaccato i democratici: “Il Pd è connivente e partecipa alla spartizione”.
Se le cose dovessero andare in porto, sono attesi cambiamenti anche al di fuori del mondo Rai: qualora infatti Mimum passasse al Tg1, Maurizio Belpietro diventerebbe il nuovo direttore del Tg5. E se Minzolini non dovesse approdare al Tg2, a quel punto andrebbe lui a dirigere il settimanale Panorama.

Berlusconi: notizie false - Ma è lo stesso presidente del Consiglio a negare la fondatezza delle notizie pubblicate in questi giorni: “Per quanto riguarda le nomine, ho visto e letto stamattina sui giornali dei nomi che credo non saranno assolutamente quelli che emergeranno”, ha detto il premier mentre si trovava all’Aquila. “Non penso – ha detto Berlusconi - che questi saranno i nomi che emergeranno, perché credo che il dg e lo so perché mi è stato riferito privatamente dai consiglieri, abbia intenzione di una nuova classe, di una innovazione vera, con nuovi nomi e facce più giovani, tutto qui”. E rimarca: “Noi vogliamo che la Rai non attacchi nessuno, a partire dall'opposizione, perché questa è la nostra filosofia”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bz540g2

    20 Aprile 2009 - 11:11

    Che schifo questo giro di poltrone che il Governo sta portando avanti con la convivenza del PD, sempre le stesse persone. Giornalisti ormai policizzati che meriterebbero di andare a dirigere il corriere parrochiale.Sono Gionalisti senza personalità diciamo dei fantocci al servizio del regime come Rossella e Belpietro e poi ecc...

    Report

    Rispondi

  • olga.antonelli

    20 Aprile 2009 - 09:09

    Se mi è concesso esprimere un parere, sarei veramente contenta se la Direzione di RAI2 venisse affidata al giornalista A. Minzolini. Trovo Minzolini una bella persona, giornalista estremamente intelligente e preparato oltre al fatto di essere sufficientemente giovane. Per quanto mi riguarda lo leggo e lo ascolto volentieri. Mi trovo spesso ad essere d'accordo con lui. So che questa è solo una opinione nel deserto, (cioè di nessun valore) ma non si sa mai. Talvolta un chicco di sabbia .....

    Report

    Rispondi

  • gmarcosig335

    18 Aprile 2009 - 20:08

    Che alla Rai ci sia bisogno di una vera rivoluzione quale abbonato non sarebbe d'accordo? Via tutti i 68ini, nuovi concorsi per giovani giornalisti che non abbiano superato i 30 anni. Un concorso vero dove ad esaminare i candidati siano persone comuni estratte a sorte tra i veri soci della Rai, cioè noi abbonati in regola con il canone.Solo così si potrebbe avere una Televisione Pubblica dedita solo ad Informare, Formare e Divertire. La Televisione Pubblica deve operare per queste 3 semplici e basilari ragioni.Il resto è fuffa.

    Report

    Rispondi

  • uycas

    18 Aprile 2009 - 15:03

    Fini nn lo vedremo molto spesso non è allineato al PDL

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog