Cerca

Grillo&co

Poco da ridere

Facci: il rischio populismo è altissimo. Il momento non è solo terriile, è anche pericoloso

13
Poco da ridere

È d'obbligo dire che non c’è più la politica, ma tra i cento significati di «politica», un tempo, c’era anche la visione a lungo termine, il seminare nonostante a mietere potessero essere altri: tutta roba che è stata cancellata dalla democrazia dei sondaggi ma che ora lascia spazio a qualcosa addirittura di peggio. Le visioni a lungo termine da una parte le abbiamo relegate al pareggio di bilancio - affidato a un consesso di ragionieri d'alto bordo, eletti da nessuno - e dall’altra abbiamo un popolo alienato che magari vuole non tutto, ma subito. Qualcosa, ma subito. Il primo pirla che togliesse l’Imu o che mettesse i parlamentari a pane e acqua, per dire, oggi potrebbe fare il pieno. Il rischio-populismo ’stavolta è reale: per sfondare non serve neanche più un programma credibile come il caso Grillo del resto sta dimostrando. Politicamente, oggi, non occorre essere: basta non-essere. Grillo è tanto simpatico e godibile, ma c'è poco da ridere, perché la nostra classe politica sarà pure la malattia, e Grillo sarà pure la febbre che la manifesta, e le urne saranno pure il termometro che la misurano: ma il termometro, tra una risata e l'altra, è infilato sempre nello stesso posto. Siamo così tutti impegnati a ripetere che il momento è terribile (la crisi, ecc.) che ci stiamo scordando di dire che è anche pericoloso.


di Filippo Facci

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marystip

    01 Giugno 2012 - 19:07

    Ho visionato solo ora un video di Porta a Porta con il solito invadente Di Pietro (incredibile come questi cafoni si approprino del microfono) che esaltava la rete e il popolo del web. Sono perfettamente d'accordo con Lei, Facci, ha perfettamente ragione: la rete è il peggio del peggio che ci possa essere. Di Pietro, che, ripeto, è un cafone illetterato, non può essere che di idea contraria alla sua. Poveri noi in che mani siamo!

    Report

    Rispondi

  • renato77

    31 Maggio 2012 - 12:12

    Secondo me il popolo ha ragione delle volte ma delle volte è anche giacobino e giustizialista.ora cercano capro espiatorio del terremoto da lapidare e lo hanno individuato nel papa che va amilano e nella parata militare del due giugno che è l'unica manifestazione di stato che ha un senso.la rabbia e frustrazione la si scarica con le cose piu dirette e a portata di mano e senza colpe.

    Report

    Rispondi

  • renato77

    31 Maggio 2012 - 12:12

    Secondo me il popolo ha ragione delle volte ma delle volte è anche giacobino e giustizialista.ora cercano capro espiatorio del terremoto da lapidare e lo hanno individuato nel papa che va amilano e nella parata militare del due giugno che è l'unica manifestazione di stato che ha un senso.la rabbia e frustrazione la si scarica con le cose piu dirette e a portata di mano e senza colpe.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media