Cerca

Appunto

Addio a Sandro Viola

3
Addio a Sandro Viola

È morto Sandro Viola, inviato di Repubblica quando gli inviati raccontavano il mondo. Era stato tirato in ballo, a fine maggio, perché dagli archivi di Repubblica risultava scomparso un suo orribile articolo del 9 gennaio 1992: Giovanni Falcone veniva bollato come un «guitto televisivo» che scriveva «melensaggini». Forse - presumiamo ora - quell’articolo l’avevano tolto solo perché Viola era agli sgoccioli: quel che è probabile è che fu un articolo comandato, uno di quei pezzacci che i giornalisti - anche i migliori - talvolta scrivono perché lo richiede la contingenza politica o un caporedattore isterico. È la contraddizione, via via ingigantitasi, che ha ucciso tanti giornalisti sempre più divisi tra necessità e virtù: perché Viola, per il resto, era un grandissimo inviato. Tra i soloni dei grandi giornali fu assolutamente l’unico che scrisse un reportage secondo il quale «dietro le bandiere di Forza Italia si muove un esercito con connotazioni marcatamente popolari» (Repubblica, 23 febbraio 1994)  e «non solo nani e ballerine, non solo yuppies, non solo calciatori e funzionari Fininvest... Brava gente, italiani che hanno lavorato, prodotto, risparmiato, consentendo al paese di sopravvivere». Questo mentre l’intellighenzia rideva e attribuiva a Berlusconi il 6 per cento. Sandro Viola, invece, alzò il sedere e si fece un giro nel Nordest. Fece il suo lavoro.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • patetici

    25 Giugno 2012 - 21:09

    .

    Report

    Rispondi

  • nazario49

    25 Giugno 2012 - 21:09

    Ho la raccolta dei DVD di Repubblica. Non era presente quell'articolo neppure nel 2000, quando furono messi sul mercato.

    Report

    Rispondi

  • Bacillo48

    24 Giugno 2012 - 20:08

    tu scrivi <<fu un articolo comandato, uno di quei pezzacci che i giornalisti - anche i migliori - talvolta scrivono perché lo richiede la contingenza politica o un caporedattore isterico.>> Lo sai bete tu vero?

    Report

    Rispondi

media