Cerca

Il filmato hard

Video porno di Belèn, i Pm archiviano: "Non c'è prova che fosse minorenne"

L'inchiesta cade nel vuoto: "Non siamo riusciti a dimostrare il reato di pedopornografia"

Video porno di Belèn, i Pm archiviano: "Non c'è prova che fosse minorenne"

 

Nessuna prova che Belen fosse minorenne. Con questa motivazione il Pm Luzi ha chiesto l'archiviazione del fascicolo per il reato di pedopornografia riguardante il video hard della showgirl argentina. Il tentativo di vendita, per 500 mila euro, da parte dell'ex fidanzato Tobias Blanco Martinez Pardo ad alcuni giornali scandalistici non può essere considerato estorsione. Il ragazzo argentino non è nemmeno stato iscritto nel registro degli indagati come mandante del tentativo di vendita perché non si è mai identificato come colui che mise in rete il video. 

La rissa con Corona - Quando scoppiò lo scandalo, Fabrizio Corona, allora fidanzato della modella, aveva cercato di smascherare gli intermediari, fingendosi interessato all'acquisto tramite un suo collaboratore e fissando un appuntamento in un ristorante del centro di Milano. Ne era nata una rissa durante il quale era comparso Tobias Blanco che, in lacrime, aveva consegnato una copia del video in una chiavetta usb. Belen ha poi testimoniato alla squadra mobile di aver distrutto il video, ricevuto senza sborsare soldi. Ma lo scorso ottobre le immagini sono finite in internet con tanto di istruzioni per scaricarle, perché il passaparola era stato tale, che il sito che le ospitava era andato in tilt.

Coinvolto anche Borriello -  Il video per molti mesi è stato in vendita sulle bancarelle degli ambulanti. Gli inquirenti avevano potuto visionarlo e notare nelle immagini sul polso di Belen un orologio bianco in apparenza simile a quello che Marco Borriello aveva regalato all'argentina durante la loro relazione, tra il 2004 e il 2008, quando la showgirl era già maggiorenne. Borriello, sentito a dicembre, ha dichiarato che l'orologio delle immagini non ha niente a che vedere con il suo regalo, avvalorando così la denuncia della sua ex. Ma al termine degli accertamenti, il pm ha ritenuto di non aver raggiunto la prova che Belen all'epoca del video fosse minorenne, di qui ha ritenuto caduta l'ipotesi di diffusione di materiale pedopornografico. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    05 Maggio 2012 - 12:12

    poi ci lagnamo se queste stanno sempre in ribalta,cosi valorizzate da una massa di imbecilli a vedere le loro nudità con cui fanno soldi e a seguire le loro stronzate????

    Report

    Rispondi

  • raucher

    03 Maggio 2012 - 20:08

    sprechino tempo e denaro nostro per indagini di questo genere? Interessa a qualcuno sapere se la signorina fece o meno un film porno?

    Report

    Rispondi

  • PETTIROSSO

    02 Maggio 2012 - 13:01

    Merita anche un "TAPIRO D'ORO" per la figura di m... che fa fatto non riuscendo a vedere il filmato dalla parte rovescia... almeno vedeva la targa e poteva rilevare i dati di nascita della Belen! Ricoverarlo e farsi rimborsare lo stipendio da questo incapace credo sia utile!

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    01 Maggio 2012 - 20:08

    Ma a chi la vuol dare ad intendere?!| Nel filmato è un'attrice vera e propria. Poi ci si chiede con tutti i problemi e la crisi, ci sono dei medici che si permettono di trasferire questa tizia da un ospedale all'altro perchè, il secondo più idoneo a ricucire ferite in quanto dotato di un reparto di chirurgia plastica. Ma chi è questa qui da meritare un simile trattamento quando nei pronto soccorso gli italiani vengono abbandonati a se stessi per giorni interi. Che torni in argentina a fare i film che le riescono bene.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog