Cerca

Cattive abitudini

Confessa un italiano su dieci:
"Ho vandalizzato un'auto"

Il sondaggio: il 10% dei nostri connazionali ha commesso un atto vandalico contro una vettura

L'8% delle donne ammette di aver rigato una carrozzeria, il 4% degli uomini di aver sfasciato uno specchietto retrovisore
Confessa un italiano su dieci:
"Ho vandalizzato un'auto"

Sondaggio choc: più di un italiano su 10, il 14%, confessa di aver compiuto atti vandalici su di un’altra auto. La rilevazione del Centro studi e documentazione Direct Line indica che l’8% delle donne ammette di aver rigato intenzionalmente la carrozzeria di un’auto, mentre il 4% degli uomini riconosce di aver rovinato di proposito uno specchietto retrovisore. C'è chi ha danneggiato una vettura rigando la carrozzeria (7%), chi ha colpito uno specchietto retrovisore (3%) e chi ha rotto tergicristalli (2%). Altri bersagli, fortunatamente meno gettonati, sono i vetri e le gomme dell’auto (entrambi con l’1%).

Aumentano le denunce - Lo studio evidenzia che il 5% degli under25 confessa di aver provocato danni alla carrozzeria, percentuale che sale a 10% tra i 25-35enni, a sottolineare che l'atto vandalico non sempre viene compiuto in giovane età o per istinto di ribellione. Secondo i risultati della ricerca l’86% degli italiani assicura di non aver mai causato volontariamente danni ad un’altra auto, anche se le denunce per atti vandalici fanno registrare un aumento del 22% nel 2012 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Su scala regionale cagliaritani (8%) e romani (6%) detengono il primato tra quelli che hanno rigato almeno una volta la carrozzeria, a palermitani (10%) e bolognesi (7%) spetta il primato per danneggiamento degli specchietti, mentre torinesi (3%) e fiorentini (2%) quello del taglio delle gomme. Non si sono salvano bresciani (4%) e veronesi (4%), che preferiscono accanirsi più di altri su vetri e tergicristalli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxsimo

    16 Maggio 2012 - 19:07

    Chi commette un'atto del genere è un represso che odia il mondo in cui vive e si sfoga con chi non ne può nulla.. da vigliacco.... poveri noi

    Report

    Rispondi

blog