Cerca

Bimbi abbandonati in pizzeria

La madre: non potevo sfamarli

Bimbi abbandonati in pizzeria
Sono ad Aosta i nonni materni dei tre bambini abbandonati domenica scorsa dalla madre e dal suo compagno in una pizzeria. Riporteranno i bambini in Germania dove, almeno in un primo momento, verranno affidati ai servizi sociali e poi, probabilmente, ai nonni stessi. Insieme a loro è arrivato  anche il console tedesco.
Intanto la mamma e il fidanzato sono stati denunciati a piede libero; la donna per abbandono di minori, l'uomo per essere evaso dal carcere. Fuori per un permesso premio, il 24enne non aveva infatti fatto ritorno in cella, ma era partito con la compagna e i suoi bambini per l'Italia.
Durante l'interrogatorio la mamma dei bambini ha spiegato tra le lacrime che la decisione disperata è maturata «quando, dopo alcuni giorni trascorsi ad Aosta, i soldi sono finiti e i bambini hanno incominciato a piangere perché avevano fame». Inizialmente lei e il compagno volevano proseguire il viaggio e trascorre una vacanza al mare. Ignara delle conseguenze del suo gesto, Ina è scoppiata a piangere quando gli agenti le hanno comunicato che le autorità tedesche le hanno tolto la patria potestà: «Non immaginavo, volevo solo proteggerli, ero certa che sarebbero stati rimpatriati e che li avrei ritrovati in Germania non appena fossi riuscita a raggranellare un po' di soldi per il rientro». La loro è stata una fuga disperata: «Ci siamo cibati degli scarti dei supermercati, soprattutto di frutta avariata, frugando nei cassonetti e abbiamo bevuto acqua dai ruscelli di irrigazione» ha detto la ragazza. La sua intenzione, non appena si fossero calmate le acque, era di «raccogliere un po' di soldi con l'elemosina, tornare a casa e riabbracciare i figli».

«Il loro è stato un gesto di affetto, determinato da un momento di grande e profonda disperazione per la situazione economica in cui si trovavano». Così l'avvocato Federico Fornoni, del Foro di Aosta, legale di Ina Caterina Remhof e Sascha Schmidt, giustifica la scelta di abbandonare i tre bambini in pizzeria. L'avvocato, nominato d'ufficio, ieri sera ha partecipato agli interrogatori dei due, accusati di concorso in abbandono di minore (per lei c'è l'aggravante in quanto madre). «Hanno fornito la stessa versione dei fatti - ha aggiunto il legale - e non si sono contraddetti». I due erano partiti il 2 aprile dalla Germania con 1.000 euro. Hanno attraversato Olanda, Belgio, Francia, Svizzera e sono arrivati in Italia il 14 aprile dal traforo del Gran San Bernardo. Ad Aosta sono finiti soldi e benzina. Per alcuni giorni - hanno raccontato agli inquirenti - si sono nutriti con latte e acqua, dormendo nell'auto. Poi la disperazione ha preso il sopravvento e hanno deciso di andare in hotel pur sapendo di non poter pagare. È lì che hanno deciso di abbandonare i bambini. «Ho lasciato i documenti così era più semplice identificarli e rimpatriarli», ha raccontato la madre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog