Cerca

Gli sciacalli della Rete

Sul web Groupalia approfitta del terremoto per farsi pubblicità

Il sito di gruppi d'acquisto online dopo il sisma lancia l'offerta su Twitter: "Paura del terremoto? Scappiamo a Santo Domingo". Polemiche e insulti, poi le scuse

Il tweet di Groupalia Italia

Gli sciacalli del terremoto non sono soltanto quelli che si intrufolano nelle case degli sfollati e le svaligiano. Nell'era del web 2.0, ci si mettono anche le aziende che sfruttano i social network per farsi pubblicità. O autogol, a giudicare da quante polemiche ha scatenato il tweet che il sito di gruppi d'acquisto online Groupalia ha diffuso questa mattina alle 9, pochi istanti dopo la prima scossa in Emilia Romagna (che ha provocato oltre dieci morti). "Paura del #terremoto? Molliamo tutto e scappiamo a #SantoDomingo". Un messaggio di scarsissima sensibilità accolto da proteste e parole durissime degli utenti di Facebook e Twitter. Il gruppo ha perfino provato a mettere la toppa, allargando il buco, con un secondo messaggio para-solidale: "#Groupalia devolverà 1 euro alla Croce Rossa Italiana per ogni #deal acquistato oggi". "Ma siete matti?", "vergogna", "che schifo", "defollowate Groupalia", sono solo alcune dele reazioni degli utenti infuriati. Tanto che il gruppo è stato poi costretto a un terzo tweet, questa volta una retromatrcia goffa e fuori tempo: "Chiediamo scusa per il tweet sbagliato sul #terremoto non era nostra intenzione offendere nessuno". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitombolo

    31 Maggio 2012 - 04:04

    da tenere nella lista degli idioti insieme alla mattera

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    30 Maggio 2012 - 13:01

    chiudeteli, quei gruppi di pezzenti e accattoni del web

    Report

    Rispondi

blog