Cerca

I precedenti

Dall'Abissinia alle alluvioni
benzina più cara nelle emergenze

Il primo aumento delle accise (1,90 lire) risale al 1935, ai tempi della guerra d'Africa voluta dal Duce

Le accise sulla benzina sono da sempre una leva fiscale utilizzata in momenti di emergenza. L' elenco dei rincari che gravano su questa imposta è lungo e risale al 1935. Il primo aumento delle accise risale infatti alla guerra in Abissinia (1,90 lire). Altre 14 lire sono state aggiunte per la crisi di Suez del 1956. Il disastro del Vajont del 1963 ha portato un aumento di 10 lire, cosi' come l'alluvione di Firenze del 1966 e il terremoto del Belice del 1968.

Il terremoto del Friuli del 1976 ha pesato sulle accise con 99 lire, il terremoto in Irpinia del 1980 con 75 lire, la missione in Libano del 1983 con 205 lire, la missione in Bosnia del 1996 22 lire. Un aumento di 0,020 euro e' arrivato dal rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004; un +0,0073 euro per il finanziamento della manutenzione e la conservazione dei beni culturali, di enti ed istituzioni culturali; +0,040 euro per far fronte all'emergenza immigrati dovuta alla crisi libica del 2011; +0,0089 per far fronte all'alluvione in Liguria ed in Toscana del novembre 2011; +0,112 euro sul diesel e +0,082 euro per la benzina in seguito al Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201 ''Disposizioni urgenti per la crescita, l'equita' e il consolidamento dei conti pubblici'' (Manovra Monti) del governo Monti.

roma

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Peter60

    30 Maggio 2012 - 20:08

    Io,non ci credo, che nessuno si sia mai domandato sotto quale forma e nome finiscano gli introiti delle accise d'abissinia!!!Cosa ci fanno!!!Mandano i fondi ai soldati,comprano i moschetti??!!O li tengono per strapagarsi gli affaracci loro??!!

    Report

    Rispondi

  • libero

    30 Maggio 2012 - 19:07

    io non ho la laurea della Bocconi,ma sono perfettamente in grado,e non penso di essere solo capace di partorire simili provvedimenti etichettati Mario Monti ed anzi mentre le sue trovate,costano a noi cittadini oltre 300.000 euro l'anno,solo di prebenda,in quattro e quatrotto non avrei difficolta' alcuna a fare le stesse cose,quasi a gratis,:almeno risparmieremmo tempo, soldi e la solita presa in giro.

    Report

    Rispondi

  • sig.nessuno

    30 Maggio 2012 - 13:01

    Vorrei che qualcuno facesse un rapido conto di quanto abbiamo sborsato tramite accise per sta guerra d'abissinia o la missione in Libano fino ad ora. Credo che con quei soldi si potrebbe finanziare una missione su marte altro che missione in Libano! Insomma, ogni scusa è buona. Monti vuole distruggere l'Italia, questa non è politica di rigore, questo è un genocidio. Poi se qualcuno lo chiama criminale colaninno si offende...

    Report

    Rispondi

blog