Cerca

In crisi

Una famiglia su due costretta a intaccare i propri risparmi

Solo una su tre riesce a mettere via qualcosa ma le altre...

Una famiglia su due per campare ha iniziato ad intaccare il proprio patrimonio personale, mentre solo una su tre riesce ancora a mettere via qualcosa. Tutti gli altri spendono esattamente quanto guadagnano. E' l'inquietante scenario che emerge dalll'Indagine sul risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2012 realizzata da Intesa San Paolo e dal Centro di ricerca Luigi Einaudi. 

Secondo lo studio, come riportato oggi dal Corriere della Sera, scende anche l'acquisto della casa, che valeva il 25,7% nel 2004 e il 5,5% nel 2012. Il 19,5% delle famiglie cerca di risparmiare per aiutare i figli a completare gli studi, mentre il 45,7% ritiene insufficiente il proprio reddito. Solo il 15,2 per cento degli intervistati dice di non aver sentito la crisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fatti neri

    20 Giugno 2012 - 00:12

    ceto medio, benestante, doppia casa,mutuo da pagare due figli uno studente e uno lavoricchia....spesa media mensile abbondantemente oltre i duemila euro ( se non ti muovi ) e il ritornello che ho vissuto sopra le mie possibilità ed ora devo fare i sacrifici.....oltre che veder distrutto il futuro pensionistico mio e dei figli e il valore dei beni che usano per ricattarmi a pagare, la casa, sono costretto a mettere mano ai risparmi per non far pesare alla famiglia la crisi in essere ma, mi chiedo se questa è reversibile: più tassano e più la crisi aumenta.... che facciamo a fine risparmi dato che non si guadagna?

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    19 Giugno 2012 - 21:09

    le orde di balordi africani sedicenti profughi, giovani e arroganti, ignoranti e degradanti, grandi,grossi e pretenziosi alloggiano e oziano bellamente in alberghi, a pensione completa pagata dal contribuente. Per non parlare di montagne di soldi,sanità, welfare, sussidi vari ed esenzioni fiscali regalati buonisticamente a straccioni stranieri che nessuno vuole,ma che stanno distruggendo l'Italia (legalmente ed illegalmente). Bisogna urgentemente espellere i clandestini e sottrarre gran parte del welfare e soldi pubblici vari agli immigrati, quindi redirigere questa ricchezza preziosa agli italiani. Se ai "migranti" sta bene ok, altrimenti ARIA.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    19 Giugno 2012 - 20:08

    proprietari di case fantasma , per le pensioni indebite ,per i baby-pensionati, per gli assegni ai nomadi , per gli evasori totali e parziali, per gli assegni ai finti disoccupati ( che lavorano in nero), per la massa di dipendenti regionali e comunali della Sicilia che non hanno nulla da fare , per il numero assurdo dei forestali in Calabria...lunga lista...

    Report

    Rispondi

  • allianz

    19 Giugno 2012 - 19:07

    Quando il fondo del barile è consumato a suon di raschiare?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog