Cerca

Trentadue anni dalla strage

Napolitano e Fini su Ustica
Sono solo lacrime di coccodrillo

Il Capo dello Stato e il presidente della Camera chiedono alle istituzioni la verità. E chi sono le istituzioni se non loro? E in tanti anni cos'hanno fatto?

Napolitano e Fini su Ustica
Sono solo lacrime di coccodrillo

Vergognoso e inaccettabile. Sono 32 anni che Daria Bonfietti, presidente del comitato delle vittime, usa queste due parole per definire la mancanza di verità su quanto accaduto nel cielo di Ustica la sera del 27 giugno 1980. Un aereo cadde in mare e 81 persone persero la vita. Ma ancora oggi una verità ufficiale non c'è. E lo Stato ha avuto pure la sfrontatezza di bloccare i 100 milioni di euro di risarcimento ai familiari dei morti.

Anche questa volta, come in tutti gli anni precedenti, sono stati molti i politici che hanno dedicato discorsi o scritto messaggi per commemorare le vittime del Dc9 Itavia e per chiedere la verità. Tra loro, i due più alti in carica sono il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il presidente della Camera Gianfranco Fini. "E' indispensabile che le istituzioni tutte profondano ogni  sforzo, anche sul piano dei rapporti internazionali, per giungere a  una compiuta ricostruzione di quanto avvenne quella drammatica notte nei cieli di Ustica e favoriscano lo svolgimento delle difficili indagini tuttora in corso" ha detto questa mattina Napolitano. E Fini poco dopo: "E' necessario l'impegno delle Istituzioni nella ricerca di tutte le circostanze e le responsabilità che hanno causato quella dolorosa pagina della storia recente del nostro Paese, contribuendo a ristabilire una piena fiducia nello Stato e nella sua capacità di difendere sempre i valori della legalità".

Parole al vento, pronunciate perchè bisogna farlo ogni maledetto 27 giugno. Sia Napolitano che Fini parlano di "Istituzioni", di "sforzo", di "impegno". E chi sono le "istituzioni"? Loro. E chi dovrebbe fare questo sforzo? Loro. Sono la prima e la terza carica dello Stato: chi più di loro (presidente del Consiglio a parte) può mettere il suo "peso" istituzionale e internazionale al servizio di quanti chiedono la verità per Ustica? Napolitano è al Colle da sette anni, Fini alla guida di Montecitorio da cinque, dopo essere stato ministro (anche degli Esteri!) e vicepresidente del Consiglio. In tutti questi anni, a giudicare dai progressi sulla strada della verità, non hanno fatto nulla o quasi. Si vergognino, anzichè parlare al vento.

bologna

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • quaquilla

    29 Gennaio 2013 - 21:09

    Si è saputo immediatamente che l'aereo è stato abbattuto da fuoco amico per sbaglio volendo colpire gheddafi. nell'arco dei due anni successivi si sono succeduti incidenti e morti sospette riguardo tutti quelli che avevano avuto conoscenza diretta del caso. Ora hanno scoperto l'acqua calda. Chi doveva pagare è già morto di vecchiaia oppure c'è la prescrizione. Ora che sono passati 30 anni scoprono la verità: buffoni, buffoni, buffoni.

    Report

    Rispondi

  • afadri

    28 Gennaio 2013 - 17:05

    Non hanno fatto un cazzo...come sempre sti politici fannulloni e ladri che mangiano a sbaffo alla mensa degli italiani dovrebbero almeno avere il coraggio di tacere. Ma si SaChi tace conferma e loro come al solito sanno ma non vogliono parlare per dare pace e giustizia alle vittime innocenti di questa vergogna nazionale.

    Report

    Rispondi

  • antonioarezzo

    28 Giugno 2012 - 10:10

    e cosa c'e' da commentare ??? e' uno schifo indegno...a quei due e a tutti quelli come loro andrebbe tappata la bocca....andrebbero presi a sberle in faccia ogni volta che l'aprono la bocca.... ogni parola uno sberlone in faccia....

    Report

    Rispondi

  • iusini

    28 Giugno 2012 - 09:09

    ...maggiore e' che ci sia,ancora, qualcuno che crede a questi due personaggi:hanno detto di tutto e l'esatto contrario.Mi ricordano il pierferdy.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog