Cerca

Parroco ed educatori sotto accusa

Bimbo morto in gita oratorio
Striscione choc dei genitori

Scritta "quinto comandamento: non uccidere" fuori da casa nel giorno dei funerali di Franco. Inchiesta per omicidio colposo senza indagati

Bimbo morto in gita oratorio
Striscione choc dei genitori

E' stato sepolto oggi a Poggio Caiano Franco, il ragazzino di 11 anni morto domenica scorsa sul monte Calvana, in provincia di Prato, durante una gita dell'oratorio. Cerimonia non religiosa, come voluto dalla famiglia. Che proprio oggi è tornata ad accusare quanti, quel giorno, avevano sotto la loro responsabilità Franco e gli altri ragazzini: uno striscione con una scritta a spray, steso fuori dalla casa, che recita: "Quinto comandamento: non uccidere". Un'accusa rivolta chiaramente al parroco della chiesa di Paperino, il paese dove Franco viveva con la sua famiglia. Nei giorni scorsi la parrocchia e la diocesi fiorentina hanno parlato di ritardi nei soccorsi, escludendo responsabilità da parte del parroco e degli accompagnato. Dall'altra parte il 118 ha escluso che ci siano stati ritardi, e rispedito al mittente le accuse.

La rabbia dei genitori di Franco è esplosa dopo le prime risultanze dell'autopsia sul corpo del bimbo, ieri. Dalle prime indiscrezioni non ci sarebbero «malformazioni evidenti». E' quanto afferma uno dei legali della famiglia, l'avvocato Dimitri Caciolli. E lo conferma il procuratore capo di Prato. Si attendono ora ulteriori esami per riuscire a capire cosa abbia provocato il malore del bambino. Bisognerà attendere almeno venti giorni per avere invece i risultati degli esami istologici.

paperino

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giomarga

    01 Luglio 2012 - 17:05

    In Italia quando si dovrebbero toccare le stupidità delle parrocchie ci si accanisce sui soccorritori. Ma come si fa ad essere così ignoranti da obbligare dei bambini a marce così lunghe e sotto il sole??? le notizie di TV parlano di molti bambini che si sono sentiti male e quei COGLIONI DI MAGISTRATI indagano i soccorritori. SIAMO UN POPOLO DI COGLIONI CHE SI MERITA TUTTO QUESTO E DI PIU'--MA LA CHIESA E I SUOI COGLIONI SONO SALVI---

    Report

    Rispondi

blog