Cerca

L'ultimo spreco dell'Alitalia:

60 sedi sparse per il mondo

L'ultimo spreco dell'Alitalia:
 E' una vitaccia quella del povero Augusto Fantozzi, il commissario nominato con l'ingrato compito di liquidare quella che fu l'Alitalia. Ogni giorno sulla sua scrivania piombano rogne a palate: creditori, insolvenze, noie imprevedibili. Come quella di scoprire che il gruppo aveva "accumulato" una sessantina di sedi in giro per il mondo. Tutte aperte, funzionanti. Da mantenere. Per esempio all'aeroporto londinese di Heatrow: la compa­gnia di bandiera italiana sti­pendiava 300 (trecento) per­sone, e tante sono rimaste do­po, quando le destinazioni in­ternazionali dell’Alitalia si erano ridotte a una sparuta quindicina. Una bella gatta da pelare, considerando i costi che già ostacolavano la liquidazione. C’era una sede in Libia, chiusa giovedì scorso. Una in Senegal. Addi­rittura due in India: a Mum­bai e Nuova Delhi. E via così. Abbassare la serranda di quegli uffici è complicatissi­mo. Un altro esempio? La sede di Hong Kong, dove l’Alitalia non vola più da tempo, e dal 2008 ha soppresso anche i collega­menti cargo. Quindici dipen­denti e un conto di 1.200 dol­lari al giorno per il lussuoso hotel Hyatt. Fantozzi e i suoi hanno calco­lato che nelle banche in giro per il mondo l’Alitalia abbia depositi per molti milioni di euro. Quanti? Decine. Forse una cinquantina. Non saran­no la soluzione, ma perché la­sciarli lì?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 44carlomaria

    04 Maggio 2009 - 15:03

    Ma come, oggi si scopre l'acqua calda. Alitalia ha 60 sedi in giro per il mondo, pagate da Pantalone in Alberghi a 8 stelle. Nessuno lo sapeva. Neanche i sindacati, che hanno difeso il loro interesse: i non lavoratori, e pretendono anche di fare l'amore( Cremaschi, oggi critica la politica sinistra e si autonomina l'unico puro e duro.) Lui che secondo un noto comico romagnolo, non ha mai fatto un cazzo in vita sua: tipico esempio di Michelass, mangia bevi e va a spass. Ora si vogliono difendere i piccoli azionisti di Alitalia e dovremmo anche risarcirli. Nessuno ha mai spiegato che investire nel privato è rischioso, in Alitalia era come buttare i soldi al vento. Pantalone svegliati e smetti di pagare i fanagutuni. Asvedommia

    Report

    Rispondi

blog