Cerca

Addio paese della cuccagna

Il lato bello della crisi economica
crollano gli arrivi degli stranieri

Mentre tra il 2005 e il 2010 il saldo era mediamente di 330 mila unità, questa cifra è crollata a 102 mila tra il 2011 e il 2012

Secondo un'indagine della Fondazione Ismu, in Lombardia, la regione che ospita un quinto degli immigrati in Italia, dieci stranieri su cento dichiarano l'intenzione di volersi trasferire entro 12 mesi
Il lato bello della crisi economica
crollano gli arrivi degli stranieri

Non tutta la crisi vien per nuocere. Perchè se è vero che gli italiani stanno peggio, il discorso vale anche per gli immigrati. Che non vedono più nel nostro paese il bengodi in cui rifarsi una vita. E che fanno? Una parte, ancora piccola, ciapa su camel e barcheta (come piaceva dire all'ex assessore regionale lombardo del Pdl Piergianni Prosperini) e torna al suo paese. Ma il dato più interessante (e sicuramente entusiasmante per i leghisti) è quello sui mancati arrivi. Mentre tra il 2005 e il 2010 il saldo era mediamente di 330 mila unità, questa cifra è crollata a 102 mila tra il 2011 e il 2012. E anche prendendo in considerazione il numero di nuovi permessi rilasciati nel 2011, 361.690, si ha un elemento indicativo: sono il 40% in meno rispetto al 2010. Solo nel Nordest, i permessi di soggiorno rilasciati tra il 2010 e il 2011 per motivi di lavoro sono crollati del 65%.

E i primi dati dell'ultimo censimento aumentano gli indizi di una fuga in atto dall'Italia: il 9 ottobre 2011 erano «scomparsi» un milione di stranieri rispetto all'iscrizione anagrafica. Ma l'appeal dell'Italia sembra destinato a diminuire ancora: secondo un'indagine della Fondazione Ismu, in Lombardia, la regione che ospita un quinto degli immigrati in Italia, dieci stranieri su cento dichiarano l'intenzione di volersi trasferire entro 12 mesi. Proiettando questi dati a livello nazionale, ci ritroviamo con un esercito di 150 mila immigrati pronti a fare le valigie entro l'anno prossimo. Facciamogli uno sconto sui biglietti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lella64

    13 Agosto 2012 - 12:12

    Isernia è una cittadina di circa 23.000 abitanti,di cui circa 10.000sono di etnia rom.Vivono in palazzine una volta carine ,adesso sono fatiscenti. vivono di espedienti,molti di loro commerciano in carne,allevamento di cavalli,vendita di auto usate(se uno si fida!)e anche usura.ultimamente la polizia ha trovato agganci con la camorra.CREANO PROBLEMI DI ORDINE PUBBLICO ,TANTO CHE A LORO è VIETATO L'INGRESSO IN ALCUNI LOCALI DELLA ZONA.RICEVONO SUSSIDI DAL COMUNE E A VOLTE ASSISTENZA SANITARIA,SONO PRIVILEGIATI NELLE LISTE DI ASILI E SCUOLE MATERNE.SI RIVOLGONO A ENTI RELIGIOSI COME LA CARITAS PER AVERE PACCHI ALIMENTARI POI LI VEDI CIRCOLARE X LE STRADE CON I MACCHINONI.SONO ARROGANTI E PREPOTENTI ,A LORO TUTTO è DOVUTO.NON AMANO LA PULIZIA ,DAVANTI ALLE LORO ABITAZIONI CI SONO CUMULI DI SPORCIZIA.QUESTO è IL DEGRADO CHE C'è IN ALCUNE ZONE DI ISERNIA.

    Report

    Rispondi

  • lella64

    13 Agosto 2012 - 11:11

    Isernia è una cittadina di circa 23.000 abitanti,di cui circa 10.000sono di etnia rom.Vivono in palazzine una volta carine ,adesso sono fatiscenti. vivono di espedienti,molti di loro commerciano in carne,allevamento di cavalli,vendita di auto usate(se uno si fida!)e anche usura.ultimamente la polizia ha trovato agganci con la camorra.CREANO PROBLEMI DI ORDINE PUBBLICO ,TANTO CHE A LORO è VIETATO L'INGRESSO IN ALCUNI LOCALI DELLA ZONA.RICEVONO SUSSIDI DAL COMUNE E A VOLTE ASSISTENZA SANITARIA,SONO PRIVILEGIATI NELLE LISTE DI ASILI E SCUOLE MATERNE.SI RIVOLGONO A ENTI RELIGIOSI COME LA CARITAS PER AVERE PACCHI ALIMENTARI POI LI VEDI CIRCOLARE X LE STRADE CON I MACCHINONI.SONO ARROGANTI E PREPOTENTI ,A LORO TUTTO è DOVUTO.NON AMANO LA PULIZIA ,DAVANTI ALLE LORO ABITAZIONI CI SONO CUMULI DI SPORCIZIA.QUESTO è IL DEGRADO CHE C'è IN ALCUNE ZONE DI ISERNIA.

    Report

    Rispondi

  • raucher

    11 Agosto 2012 - 23:11

    Mi ha colpito la sua affermazione circa l'alto numero dei rom in pr di Isernia. Potrebbe per cortesia delucidarci in proposito?E' allucinante.

    Report

    Rispondi

  • Lev Remiganti

    11 Agosto 2012 - 15:03

    Non è positivo che gli immigrati se ne vadano. Il capitale fondamentale alla crescita economica è il capitale umano. Il problema più grande (e probabilmente insormontabile) dell'Italia è la questione demografica: un paese in declino demografico non può crescere economicamente né prosperare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog