Cerca

Previsioni sballate

"Estate fresca e piovosa"
La bufala dei metereologi

A giugno, i principali siti meteo nazionali e internazionali prevedevano una stagione con frequenti temporali e temperature non elevate

«Sarà un’estate più piovosa della media? Secondo il modello CFSv2 sembra proprio di sì», si leggeva all’inizio di giugno su meteoportaleitalia.it. Ma la sigla del modello americano sembra essere l’acronimo di «Come Fabbricare Stupidaggini vere». Le inesattezze nelle previsioni del clima sono numerose e ricorrenti. La meteorologia utilizza proposizioni ipotetiche che lasciano sempre un margine di errore. Karl Popper parlava di «falsificabilità». Quest’anno le previsioni di partenza sono state molto più che «falsificate»: l’abbaglio sembra essere stato gigantesco. Era stata annunciata una stagione estiva all’insegna della dinamicità, caratterizzata da frequenti temporali e temperature fresche, ma di tutto questo non c’è stata traccia. Non fino ad adesso, almeno. E l’estate volge ormai al termine. Tutt’altro, termometro alla mano, la stagione è stata torrida, con temperature che hanno superato ancora ieri i 40 gradi. Altro che piovosità eccezionale: c’è il rischio di siccità, c’è allarme per le colture, preoccupazione per la salute di bambini e anziani, si verificano frequenti incendi. 

«I periodi di staticità a cui eravamo abituati negli anni passati sembrano ormai solo un lontano ricordo», si può leggere ancora sul sito che si occupa di meteorologia. E invece, la memoria è stata ampiamente rinfrescata. Anzi riscaldata. Le previsioni di 3Bmeteo per la bella stagione del 2012? «Si ipotizza un’estate non eccezionalmente calda nel suo insieme con al massimo tre o quattro ondate di calore», scriveva il sito web lo scorso 2 giugno. Ma, il clima di festa, nella ricorrenza della nascita della Repubblica italiana, deve avere confuso le idee ai meteorologi. A deludere anche gli auspici del colonnello Mario Giuliacci fatti per affaritaliani.it. «L’estate non sarà bollente. Agosto? Preparate l’ombrello», diceva Giuliacci meno di due mesi fa. Da preparare, anche per gli ultimi 10 giorni del mese, sembra essere solo il costume per chi è al mare e l’aria condizionata per coloro che sono rimasti o tornati in città. 

Anche le previsioni «made in Usa» di Nasa e Noaa hanno toppato in pieno. «Ci aspetta un’estate molto fresca e piovosa», stimavano le due organizzazioni. Ora, quando agosto volge ormai al termine, si ipotizza addirittura il paragone con l’estate 2003, la più calda degli ultimi cento anni in Europa. La temperatura media di nove anni fa era di 26 gradi. Quest’anno si calcola finora una media di 24,9 gradi. Ma dove saranno finite le ipotetiche piogge torrenziali di cui si parlava tanto? Quasi non era necessario fare il cambio dell’armadio. 

Il peggio, dicono ora i meteorologi, deve ancora venire. Arriva infatti «Lucifero». Il ciclone, previsto per questo weekend post Ferragosto, è solo l’ultimo di una lunghissima serie. Più forte, più vasto di «Minosse», «Ulisse», «Nerone», «Caligola». Non siamo appassionati di storia greca e romana. I nomi illustri sono stati recentemente accostati alle diverse ondate di caldo che si sono succedute da luglio in poi. Ed evidentemente non sono state poche. Il caldo dovrebbe accompagnarci almeno fino a giovedì 23 agosto. Il ministero della Salute ha definito questo fine settimana «da bollino rosso». Tredici le città in allerta per il gran caldo nella giornata di oggi. Temperature roventi in tutta Italia. E sì, il sole bacia i belli: gli italiani.

di Antonella Luppoli

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    20 Agosto 2012 - 21:09

    Le previsioni meteo le facevano con calcoli manuali o con il regolo calcolatore usando il cervello.Poi arrivarono le calcolatrici elettroniche ed il cervello inizio' ad atrofizzarsi.La botta finale il cervello la prese dal computer.Per fare le previsioni oggi come oggi basta inserire dei numeri.Al resto pensa la CPU.Appunto.Ai tempi del Col.Bernacca,gli errori c'erano,ma in misura inferiore a quelli che si registrano oggi.Ma il servizio meteorogico dell'Aereonautica esiste ancora,o tutto è in mano alle meteorine?

    Report

    Rispondi

blog