Cerca

Pansa

Guerra tra Repubblica e Fatto, nuovo atto. Mauro: "Travaglio, siete di destra"

Trattativa stato-mafia, psicodramma giustizialista. Il direttore risponde a Zagrebelsky e svela la tattica: un po' con Napolitano, un po' contro

Il costituzionalista sta con i pm di Palermo, Eugenio Scalfari con il Colle. Ed Ezio? Imbarazzato, si schiera prudentemente a metà strada...
Guerra tra Repubblica e Fatto, nuovo atto. Mauro: "Travaglio, siete di destra"

 

di Giampaolo Pansa

È davvero insuperabile come il tonno, quello degli spot in tivù, Ezio Mauro, il direttore di Repubblica, chiamato Topolino per la velocità un tempo mostrata nel lavoro da cronista. Insuperabile e dunque imbattibile per aver saputo sottrarsi alla diatriba sorta fra due super editorialisti del suo giornale, il cardinale Eugenio e monsignor Gustavo, al secolo Scalfari e Zagrebelsky. Ormai impegnati a duellare uno contro l’altro su un problema gigantesco: la trattativa fra lo Stato e la mafia. Un mistero che oggi dà esca all’indagine della Procura di Palermo, arrivata a lambire niente meno che il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. 

Nel duello fra le due eccellenze non si era compreso da che parte stesse Mauro. Lui taceva, forse inghiottito dalle vacanze n un paese lontano, si dice l’Alaska. Il suo silenzio aveva provocato una domanda di chiarimenti sempre più pressante. Il Foglio di Giuliano Ferrara si era deciso a ripresentarla ogni giorno. Chiedendo a Topolino se per caso non fosse schierato a fianco di monsignor Gustavo. E se anche lui ritenesse il Quirinale e il fondatore di Repubblica il perno di una sordida campagna di intimidazione nei confronti dei pubblici ministeri che cercano la verità sul rapporto fra uomini dello Stato e il vertice di Cosa nostra. 

 Ieri, finalmente, per mezzo di un editoriale sterminato, Topolino ha sciolto l’enigma. Lui sta con entrambi i suoi editorialisti. Sta persino dalla parte della Procura di Palermo, sia pure con qualche riserva sull’estremismo investigativo di Antonio Ingroia. Poi mettendo in mostra una straordinaria sapienza nel compiere la mossa del cavallo, ha scartato di lato e ha aperto il fuoco contro un altro quotidiano, il Fatto, guidato dalla coppia Padellaro & Travaglio. 

Leggi l'articolo integrale di Giampaolo Pansa 
su Libero in edicola oggi, sabato 25 agosto

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francesca46

    25 Agosto 2012 - 09:09

    ma si sa già con chi starà e contro chi.ha scritto un pistolotto,a dato ragione a tutti,torto a nessuno,mauro è un gran dritto ha già trovato un nemico:la nuova dx berlusconiana.ecco il nemico armatevi e partite.e tornerete vincitor.e che oggi a sparare a berlusco è facile,troppo facile è come sparare ad un uomo morto.mi sa che mauro sei capace di sparare ad un morto....

    Report

    Rispondi

  • aldo delli carri

    25 Agosto 2012 - 09:09

    e che male c'è a essere di destra? meglio che essere della sinistra di giorgio, stipendiati dall'unione sovietica. il problema che in italia non c'è una vera destra laburista ma, solamente fascisti che si annidano, indifferentemente, sia nella così detta destra che sinistra. vai a vedere mauro di dove è ???

    Report

    Rispondi

blog