Cerca

Grande fratello sui banchi

A scuola col badge: sms
ai genitori di chi bigia

Sistema anti-assenze hi-tech in un istituto tecnico di Mantova. Papà e mamma avvisati in tempo reale se il figlio non entra

Ogni mattina i 1.700 studenti devono strisciare il loro documento nell'apposito lettore posto all'ingresso dell'istituto
A scuola col badge: sms
ai genitori di chi bigia

 

Nell'era pre-digitale poteva essere il preside o l'insegnante a segnalare l'assenza di un alunno. Ma, con centinaia e centinaia di studenti, poteva essere complicato informare i genitori degli assenti. E pure eccessivo, visto che l'alunno poteva essere semplicemente a casa con l'influenza. E non in giro a bigiare, tra i giardinetti e il bar. Oggi, però, la tecnologia fa miracoli, come si dice. E all’istituto tecnico Enrico fermi si sono dotati di un'arma anti-bigiata assolutamente infallibile: il badge. Ne sono dotati tutti i 1.700 studenti, che quando entrano la mattina devono strisciarlo nell'apposito macchinario. Una cosa un po' triste per degli adolescenti, una cosa da "grande fratello" sui banchi di scuola. Ma tant'è, il sistema funziona. Perchè se uno studente non striscia il badge all'ingresso, al suono della campanella delle 8.06 un sms parte verso il telefonino dei genitori, che vengono così informati in tempo reale dell'assenza dei figli. E se lo studente non è a letto con 38 di febbre...

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • umberto2312

    13 Settembre 2012 - 13:01

    Stupisce che ancora nessuno si sia appellato al diritto di privacy degli studenti(bigioni).

    Report

    Rispondi

  • aldogam

    13 Settembre 2012 - 10:10

    Non sarà difficile trovare un amico che striscia il tuo badge per te, a imitazione delle consuetudini in essere presso molti uffici statali.

    Report

    Rispondi

blog