Cerca

Offensiva giudiziaria

Ruby e il tempismo dei giudici
Ecco perché il Cav non si decide

Silvio angosciato dalle sentenze non scioglie le riserve sulla sua candidatura
Ruby Rubacuori

Ruby Rubacuori

 

A pesare sulla candidatura di Silvio Berlusconi è l'incognita del processo Ruby. Se il Cavaliere non ha ancora sciolto le riserve sulla sua discesa in campo è perché è angosciato dalle possibili sentenze che potrebbero arrivare proprio in campagna elettorale: una riguarda il processo a Lele Mora, Nicole Minetti ed Emilio Fede in cui a tema c’è il possibile reclutamento di ragazze per farle prostituire con lui, l'altra è quella del processo dove lui stesso è imputato per concussione e prostituzione minorile. Del resto, con Berlusconi, i giudici hanno sempre avuto un tempismo perfetto. "Chi ha incontrato a lungo Silvio Berlusconi questa estate, prima o poi è per forza finito lì: al processo Ruby. Non lo direbbe mai in pubblico, ma in privato il Cavaliere si mostra sempre angosciato dalle possibili sentenze che potrebbero arrivare da quel processo...", spiega Fosca Bincher su Libero in edicola oggi.

 

Leggi l'articolo integrale su Libero in edicola oggi, martedì 18 settembre 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • zelig12

    24 Settembre 2012 - 23:11

    A prima vista il suo sembra un ragionevole compromesso, però in realtà è un 'aut aut'.Lei è disposto a cambiare,quindi sinora ha indossato una maschera da dismettere a piacimento,non è stato se stesso,autentico,sincero; vuole che anche gli altri facciano lo stesso,uniformandosi ad un modello comportamentale che LEI giudica il più conveniente,soffocando la genuinità,la ricchezza della loro variegata umanità con il rischio di cadere nella sterile uniformità,nella volgarità mascherata,nella vigliaccheria camuffata.Le esigenze della convivenza civile? Non sono state da nessuno di noi calpestate in modo distruttivo,bisognerebbe piuttosto indignarsi e pretendere il rispetto delle regole in ben altri ambiti.Impariamo ad usare l'autoironia,ciò renderebbe a tutti la vita meno pesante.Accolga i miei saluti a lei,che sono sicuro saprà aprire agli altri il suo cuore e la sua mente.

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    24 Settembre 2012 - 17:05

    Veda di non stravolgere la storia recente, se qui c'è uno che ha esordito facendo capire che la sua merda profumava come lo Chanel N°5, quello e proprio lei,caro signore, gli altri,essendo non meno uomini di lei,glielo hanno semplicemente fatto notare, certo con parole a volte un pò colorite,ma da uomini liberi.Qui chiudo la querelle.

    Report

    Rispondi

  • INCAZZATONERO69

    24 Settembre 2012 - 16:04

    Personalmente non trovo nessun beneficio nell'insultare gratuitamente chicchessia,mà, se attaccato frontalmente, reagisco secondo natura, non che sia un istintivo senza logica, semplicemente non mi piace che il primo venuto provi a bagnarmi il naso.Il confronto trà uomini liberi và aldilà delle differenze di opinioni,di espressione o di forma.Cordialmente, Cesareo.

    Report

    Rispondi

  • TheUndertaker

    24 Settembre 2012 - 15:03

    Anche sui "fuori tema" devo darle ragione. Allora potremmo fare così: Io smetto di fare il Don Ferrante (mi è piaciuto l'arguto accostamento), 654321 ed i suoi amici smettono di insultare in modo volgare, Zelig di ergersi a disinteressato avvocato difensore del turpiloquio altrui (usando peraltro la mia stessa arroganza, mascherata da buonismo), e confrontiamoci sul tema (Su Ruby penso non ci sia più nulla dire).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog