Cerca

Caso Ilva

Il ministro Clini: ridurre le emissioni
Continua la protesta degli operai

Centinaia di lavoratori in rivolta per la difesa del loro posto di lavoro

Il ministro Clini: ridurre le emissioni
Continua la protesta degli operai

’Ilva di Taranto dovrà ridurre "drasticamente" le emissioni inquinanti. Il riesame dell’Aia, infatti, "disporrà una drastica riduzione del carico di inquinanti rispetto all’Aia del 4 agosto 2011, con particolare riferimento alle emissioni di polveri e di benzopirene sia diffuse che convogliate". Lo si legge in una nota del ministero dell’Ambiente dopo la conclusione dell’attività del gruppo di lavoro istituito dal ministro Corrado Clini. Il Gruppo Istruttore - si legge nella nota ministeriale - è stato convocato il 9 ottobre e il parere tecnico sarà emanato entro l'11 ottobre. 

Proteste La Conferenza dei Servizi per la conclusione del procedimento, alla quale partecipano la Regione Puglia e gli Enti Locali, invece si terrà entro il 16 ottobre. "L'Autorizzazione Integrata Ambientale - ha spiegato il ministro Clini - deve essere un documento chiaro ed esplicito, che definisca con precisione le responsabilità di ogni parte coinvolta, ognuna per la sua competenza".   Intanto proseguono le proteste e i blocchi: Il sindaco di Taranto Ezio Stefano è andato sulla via Appia nei pressi del siderurgico dove un centinaio di lavoratori dell’Ilva sta manifestando per chiedere garanzie per la difesa del lavoro. Al presidio sono circa un centinaio i lavoratori che, nell’ambito dello sciopero proclamato da Fim e Uilm, sono fermi al bivio con la statale 106. Il presidio è stato mantenuto per tutta la notte, mentre Fim Cisl e Uilm hanno convocato per il 17 ottobre a Roma una manifestazione nazionale di tutti i lavoratori del gruppo Ilva, in concomitanza con la conferenza dei servizi per il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale. "Per le vicende dell’Ilva di Taranto noi abbiamo assolutamente bisogno che la politica e il Governo intervengano", ha detto Maurizio Landini, segretario generale della Fiom-Cgil. Secondo il governatore della Puglia Nichi Vendola "Siamo di fronte a momenti decisivi": "ci sono le condizioni se l’Ilva farà la propria parte per ottenere un salto epocale che consenta di salvaguardare il diritto al lavoro, all’ambiente e alla vita dei tarantini".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • annunziata

    28 Settembre 2012 - 15:03

    continua la sceneggiata tarantina: lo scontro tra principi ai quali nessuno rinunzia e si pretende la quadratura del cerchio ed intanto il tempo passa. Ilva chiuderà ? e chi trova il posto a migliaia di persone? gli ambientalisti accetteranno condizioni ambientali uguali a quelle di tutte le altre acciaierie europee o mireranno a fare i primi della classe? La magistratura chiuderà un occhio e fingerà di credere al piano del governo? Il governo crede veramente che ilva spenda tutti quei soldi sull'ambiente sapendo che i primi suoi sostenitori sono gli operai? Gli operai sceglieranno fra ambiente e lavoro? E' una partita a poker ove ciascuno conta che gli altri si ritirino. Alla fine tutti diranno di aver vinto salvo lo stato pantalone.

    Report

    Rispondi

blog