Cerca

Libertà di stampa addio

Cuba come l'Italia
Fermati tre giornalisti

Interrogati per dodici ore e poi rilasciati Ilaria Cavo, Stefano Cavicchi e Domenico Pecile. Ora saranno processati per direttissima

I tre reporter avevano appena intervistato il fratello della cubana arrestata per il delitto di Lignano
Cuba come l'Italia
Fermati tre giornalisti

Ilaria Cavo, la giornalista di Mediaset e inviata di Videonews, è stata fermata a Cuba, nei pressi di Camaguey, durante la realizzazione di un reportage sull'omicidio di Lignano per il programma Domenica Live". Lo riporta il sito Tgcom24 sottolineando che "con lei sono stati fermati anche l'operatore Fabio Tricarico, il cronista del Messaggero Veneto Domenico Pecile e il fotoreporter del Corriere della Sera Stefano Cavicchi. Già avvisata la famiglia". 

La Cavo, spiega Claudio Brachino, direttore di Videonews, "stava tornando a L’Avana, dopo aver realizzato una parte del reportage, quando è stata fermata dalle autorità. Il   fatto è avvenuto ieri sera e la rappresentanza diplomatica italiana   è stata immediatamente avvertita". "Ilaria - ha spiegato Brachino -   non ha fatto nulla di illegale. Ha realizzato interviste assolutamente lecite".

"Ieri sei persone hanno fatto irruzione e dopo aver sequestrato tutto il materiale ci hanno portato via e ci hanno interrogato per dodici ore", racconta Stefano Cavicchi. "Ora ci hanno rilasciato ma verremo sottoposti a processo. Siamo senza passaporti e senza cellulari". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    30 Settembre 2012 - 22:10

    qundo si va all'estero , quando arrivi in frontiera ti chiedono il motivo della visita . inutile fare i furbacchioni di mezza tacca e dichiarare " turismo " quando si è per lavoro . inutile piagnucolare dopo . e francamente quattro elementi che giudico idioti , non mi dicano che non lo sapevano , perchè allora dico " cambiate mestiere " mai stati in unione sovietica ? chiedete a re giorgio come si poteva entrare in russia . e cuba , cina , eccetera sono uguali . per la verità anche in america è così ed è giusto , solo i pirla italiani non chiedono . provato alle canarie ?

    Report

    Rispondi

  • mania

    30 Settembre 2012 - 15:03

    se in Italia fermassero e poi espellessero tutti quelli col visto turistico che poi si fermano a ???? lavorare????o si fermano e basta,non lo riterrei così sbagliato. Per quello che riguarda la Cavo e i suoi amici,avrebbero dovuto prima chiedere aiuto a quel simpaticone di Minà,lui sì che sa come si sta in quel paradiso di Cuba

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    30 Settembre 2012 - 08:08

    Meglio dire l'Italia é come Cuba.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    29 Settembre 2012 - 17:05

    ma solo se non sono al potere: appena prendono il potere la cancellano immediatamente, essendo (appunto) una dittatura (lo dice il nome e non io: dittatura del proletariato, no?). In Italia ci sono comunisti anche in posti (statali) e quindi possono fare danni seri, non essendo vinclati dalle regole democratiche (della democrazia, occidentale, dico). E' uno dei problemi che gli statali danno alla comunita'. prima alcuni addirittura sono comunisti, e poi si mangiano i soldi degli altri Italiani e costano un visibilio. Tutto privato, gli statali devono essere pagati pochissimo. Ecco come si risolve il problema.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog