Cerca

BREAKING NEWS

Emilia Romagna, blitz delle Fiamme Gialle in Regione

Gli uomini della Guardia di Finanza di Bologna sono arrivati questa mattina alle 10.20 nella sede della Regione Emilia Romagna per acquisire i libri contabili e i documenti finanziari di Viale Aldo Moro. Il blitz dei 5 uomini della Fiamme Gialle rientra nell’attività investigativa nell’ambito dell’inchiesta giudiziaria aperta dalla Procura di Bologna che indaga sui conti dei gruppi consiliari regionali. Nel fascicolo, che è ancora contro ignoti, compare però un’ipotesi di reato, quella di peculato. Proprio ieri si era tenuta la prima riunione operativa tra i militari delle Fiamme Gialle e gli inquirenti per decidere come procedere nell’attività investigativa. Nel frattempo la Guardia di Finanza sta spulciando il bilancio di previsione 2012 assestato da 36,7 milioni di euro che pesa sul bilancio dell’intera Regione Emilia Romagna per un valore reale di circa 32,4 milioni di euro. Una vera e propria task-force di inquirenti composta dal procuratore capo Roberto Alfonso, coadiuvato dal Procuratore aggiunto   Valter Giovannini e dai pm Morena Plazzi e Antonella Scandellari a lavoro per controllare che ogni euro sia uscito da Viale Aldo Moro secondo i sensi di legge. I 5 uomini delle Fiamme Gialle che lavorano sulle carte della  Regione si stanno concentrando in particolare sui conti dei gruppi consiliari, ma non è escluso che l’indagine approfondisca anche altri capitoli della spesa pubblica regionale. L’inchiesta insomma, è  "ad ampio raggio" come ha spiegato lo stesso Alfonso. In realtà questa nuova attività si va ad aggiungere alle inchieste già aperte nei mesi scorsi sulle spese di Viale Aldo Moro. 
Un'indagine che parte da lontano - Se il caso che ha fatto più rumore e più danno   (il commissariamento del Comune di Bologna) è stato sicuramente il   'Cinzia-Gate' che travolse l’ex sindaco Flavio Delbono in un’inchiesta sulle spese che si era fatto non correttamente rimborsare quando era  vice di Vasco Errani, l’ultima in ordine di tempo è quella a carico dell’ex capogruppo Idv Paolo Nanni, accusato di peculato, dopo le denunce presentate dal fuoriuscito Domenico Morace. Inchiesta gemella, sollevata anche in questo caso dall’ex   esponente del Carroccio Marco Lusetti (espulso dal partito), quella che riguarda l’ex capogruppo della Lega Nord Maurizio Parma. Ma ce n'è anche per il Pdl con il consigliere regionale Alberto Vecchi   indagato per un giro di rimborsi chilometrici, calcolato sulla distanza dalla sua risedenza formale che, secondo l’accusa, non sarebbe reale. Violazione della legge sugli appalti è invece il capo   di imputazione per cui è indagata Anna Fiorenza, direttrice dell’agenzia regionale Intercenter, nata proprio per far risparmiare la Regione tramite acquisti fatti secondo economie di scala.
Interviste a pagamento - Praticamente trasversale, invece, l’utilma inchiesta riguardante le presunte interviste a pagamento rilasciate da  alcuni consiglieri regionali alle emittenti radiotelevisive locali.   Fuori dal recinto dell’assemblea, la magistratura di Bologna guarda   anche al numero uno della Regione. Il presidente Vasco Errani è   infatti indagato per falso ideologico nell’inchiesta sul caso   'Terremerse' che riguarda le procedure del finanziamento da 1 milione   di euro accordato da Viale Aldo Moro alla cooperativa guidata (al   tempo dei fatti) dal fratello del presidente della giunta, Giovanni   Errani. Per Errani i pm hanno chiesto il rinvio a giudizio. Il clima, insomma, in Regione non è dei più sereni, sebbene Richetti non ci stia a far passare Viale Aldo Moro per un luogo dove   si sprecano i soldi dei contribuenti. Il presidente dell’assemblea,   infatti, ha fin dal suo insediamento posto tra le priorità il taglio   della spesa e la trasparenza. A lui, che ha rinunciato all’auto blu, si deve, infatti, la pubblicazione on line dei rendiconti (seppur non dettagliati) dei conti dei gruppi consiliari. Anche se dalla prossima   legislativa, sotto la presidenza Richetti, l’aula ha approvato inoltre l'abolizione dei vitalizi agli ex eletti. Lo sforzo di razionalizzazione, compresa la decurtazione del 10%  delle indennità deciso a fine dicembre scorso, ha portato così al recupero di circa 2 milioni di euro che l’assemblea ha 'restituito' alla giunta. Un’assegnazione vincolata alla destinazione di spesa a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • UNGHIANERA

    02 Ottobre 2012 - 13:01

    Pinuccio,come saprai il PDL,o la destra democratica in quelle regioni ha iniziato il suo cammino dopo l'entrata in politica di Silvio. Prima di Silvio le percentuali di voto a destra erano talmente ininfluenti,da essere considerate dopo ogni scrutinio di voto,come un errore di conta!Immagina che razza di buco temporale separa il periodo della discesa in campo di Silvio,dagli anni del dopo guerra al 1994!46 anni di buco nero,ci vorranno secoli prima che le Fiamme Gialle riescano a capire quanti miliardi sono stati succhiati,e quante generazioni politiche di sinistra,compresi gli elettori che le hanno votate,abbiano bevuto con quei miliardi,mentre molti altri morivano di sete! Lo so Pinuccio che ora hai la strizza al culo,ma da vecchio comunista,dovresti sapere che tutto ha un inizio e una fine!

    Report

    Rispondi

  • Galleggiamo

    02 Ottobre 2012 - 12:12

    In Emilia Romagna, vengono dagli Stati Uniti per vedere e valutare alcune strutture pubbliche della regione. In particolare ospedali e centri di assistenza per bambini ed anziani. Nessuna regione nel bene o nel male vanta simili strutture. Quindi, o Lei è in malafede o è solo un povero idiota.

    Report

    Rispondi

  • liberi_tutti

    02 Ottobre 2012 - 12:12

    In Emilia Romagna ci sono pd, coop rosse, sindacalisti rossi, ecc. che vivono secondo il motto di quel che è necessario tuo, lo rubo io e quel che mio me lo tengo io...

    Report

    Rispondi

  • Stefano55

    02 Ottobre 2012 - 12:12

    Speriamo che controllino veramente, senza partigianerie. Se nel Lazio hanno trovato "Er Batman", in Emilia ci sono "The Avengers" al gran completo. E' la regione che riesce a tassare e multare di più i propri cittadini, senza però fare nessuna opera di pubblica utilità. Da qualche parte ci deve essere un buco nero dove finiscono tutte le nostre tasse, chissà se la GDF lo trova!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog