Cerca

Lo scandalo del Lazio

L'ordinanza: coi soldi del Pdl si è comprato la Jeep per la neve e la caldaia della villa

A Fiorito viene contestata l’appropriazione di una somma che si aggira intorno al milione e 300mila euro
L'ordinanza: coi soldi del Pdl si è comprato la Jeep per la neve e la caldaia della villa

E’ in carcere a Regina Coeli l’ex capogruppo del Pdl alla Regione Lazio, Franco Fiorito, l’accusa è di peculato. L’ordinanza di custodia cautelare, eseguita dalla Guardia di Finanza, è stata emessa dal gip Stefano Aprile, su richiesta del procuratore aggiunto Alberto Caperna e del pm Alberto Pioletti. La misura è stata ritenuta necessaria per il pericolo di fuga e il rischio di inquinamento delle prove. 

All’esponente politico viene contestata l’appropriazione di una somma che si aggira intorno al milione e 300mila euro, ma complessivamente il denaro, oggetto delle indagini, ammonta a circa 6 milioni euro che la legge regionale 6/73 destina alle attività del gruppo Pdl. Alle somme che l’ex capogruppo Pdl ha versato direttamente sui suoi conti, ci sono due milioni e 600mila euro di bonifici presso terzi, più altri due milioni di euro fuoriusciti dai conti del Pdl. Tra gli utilizzi di danaro sotto la lente degli inquirenti c'è anche l’acquisto di una Jeep pagata poco più di 35mila euro, acquistata in coincidenza con la nevicata che mise in ginocchio la capitale nel febbraio scorso e una caldaia per la villa di San Felice Circeo.

La procura di Roma è tornata a ribadire che "l'aspetto morale della politica non ci interessa", non riguarda le indagini in corso. "Indaghiamo laddove si ravvisino reati - si spiega a piazzale Clodio - e, nel caso specifico di Fiorito, episodi di arricchimento personale". L’esponente Pdl sostiene: "Non mi aspettavo l’arresto, ero convinto e lo sono tuttora di aver chiarito ogni aspetto della vicenda". Uno dei legali, Enrico Pavia, parla di "situazione che addolora", perchè "l'arresto si poteva evitare". Mentre l’avvocato Carlo Taormina ha annunciato ricorso: "Se ci si trova davanti a un reato questo è quello di appropriazione indebita, dove l’arresto non è consentito. Mi auguro che questo rappresenti una svolta e che quindi adesso anche gli altri 70 consiglieri della Regione Lazio abbiano lo stesso trattamento". 

Sul fronte politico il segretario Pdl, Angelino Alfano, afferma: "Non consentirò di sporcare la storia di una grande partito, la sua dignità per la salvaguardia e nell’interesse di milioni e milioni di elettori, di decine di migliaia di onesti militanti e per quei buoni amministratori che gli rendono onore. L’arresto arriva in tempo per impedire a Fiorito una ribalta televisiva che stava irresponsabilmente cavalcando. Il suo comportamento ci ha fatto male. Impediremo che altri comportamenti analoghi possano lederci. Il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti (Pd), incalza: "Regione Lazio, si torni a votare subito, ma proprio subito. La parola deve tornare immediatamente ai cittadini".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciancicato

    04 Ottobre 2012 - 16:04

    Fiorito, Penati, Lusi, Delbuono, Marrazzo....ma per completare la lista c'è molto da fare, basta mettere il becco nelle S.p.A. con capitale pubblico, vedi Comunali, Regionali e Provinciali e lì ne vedremo delle belle. Tutto quello che leggiamo nei giornali questi giorni sono sono gravi, con il controllo delle S.p.A. pubbliche, regno dei trombati a allocazioni di parenti, amici, compari..., sono una vergogna alla faccia della gente che soffre per indigenza. Una pletora di magna-magna a tradimento con bilanci da fallimento. Basta mettere il becco e vedremo che Fiorito & company sono solamente una punta del problema e la realtà supererà la fantasia. Solamente a Roma tra amministratori delegati, collegi sindacali,consiglieri d'amministrazione, presidenti, vice presidenti, direttori amministrativi, commerciali e tecnici, dirigenti, impiegati.. c'è da sfamare tutta l'Africa con il resto (sic!).

    Report

    Rispondi

  • PETTIROSSO

    04 Ottobre 2012 - 14:02

    ...che prima d'ora non s'era mai visto, ma che mi ha fatto capire da subito, quasi senza aprisse bocca, chi era: solo aria e vuoto, ma gli interessi suoi li sapeva fare!!! Vergognoso personaggio, purtroppo non il solo in circolazione nei palazzi!!!

    Report

    Rispondi

  • VIVASILVIOORAESEMPRE

    02 Ottobre 2012 - 17:05

    questo balordo ha usato i soldi del partito per tirare la volata alla piovra

    Report

    Rispondi

  • Michele620

    02 Ottobre 2012 - 15:03

    delinquenti stanno contribuendo allo sfaccio del pdl chi sa se in galera sfotterà ancora maledetto trippone

    Report

    Rispondi

blog