Cerca

Le motivazioni

G8 di Genova, la Cassazione: "La polizia ha gettato discredito sull'Italia"

La Corte spiega la sentenza di condanna ai vertici della Polizia: "Alla Diaz fu un esercizio di violenza, un massacro ingiustificabile"

La notte del 21 luglio 2001 il blitz nella scuola dei no global. Il capo De Gennaro "voleva riscattare l'immagine della polizia"
G8 di Genova, la Cassazione: "La polizia ha gettato discredito sull'Italia"

L’irruzione alla scuola Diaz di Genova nella notte del 21 luglio 2001 durante il G8 è stato un "puro esercizio di violenza", caratterizzato da un "massacro ingiustificabile da parte degli operatori di polizia" che ha gettato "discredito sull'Italia agli occhi del mondo intero". E' durissima la motivazione della sentenza con cui la V Sezione penale della Cassazione, lo scorso 5 luglio, ha convalidato le condanne per falso aggravato nei confronti degli allora vertici della polizia dichiarando invece prescritto il reato di lesioni per i poliziotti. Parlando dei pestaggi durante il G8, la Corte non fa sconti né ai dirigenti né ai poliziotti. I relatori Piero Savani e Stefano Palla hanno parlato di "condotta   cinica e sadica degli operatori di polizia", di "un massacro ingiustificabile". La definizione che torna più spesso, quasi uno slogan, è quella coniata da Michelangelo Fournier, allora capo del settimo nucleo che fece irruzione alla Diaz: "macelleria messicana". La Cassazione definisce poi "odioso" l’atteggiamento degli allora vertici della polizia, tra i quali Gilberto Caldarozzi, Francesco Gratteri, Giovanni Luperi e Vincenzo Canterini sul mancato pentimento o quanto meno sul "ravvedimento" dei fatti della Diaz. . Quella notte furono 93 le persone coinvolte nel blitz, tra arrestati e feriti.

"Carta bianca" sulle violenze - La Cassazione mette poi in evidenza come l'irruzione nella Diaz sia stat organizzata senza "indicazione per via gerarchica di ordini a cui attenersi". Il risultato fu una specie di "carta bianca nell’uso della forza connaturato all’esecuzione dell’operazione". Pesante il giudizio sul comportamento delle forze dell'ordine, che secondo la Corte avrebbero usato violenza su persone "all’evidenza inermi, alcune dormienti, altre già in atteggiamento di sottomissione con le mani alzate e, spesso, con la loro posizione seduta, in manifesta attesa di  disposizioni, così da potersi dire che si era trattato di violenza non giustificata e punitiva, vendicativa e diretta all’umiliazione e alla sofferenza fisica e mentale delle vittime". 

Le responsabilità di De Gennaro - In un passaggio del dispositivo si sottolinea la responsabilità dell’ex capo della Polizia Gianni De Gennaro. Quando, il 21 luglio 2001, alla fine della manifestazione del G8, diede "la direttiva di affidare a Nicola Gratteri il compito di effettuare perquisizioni l'obiettivo era quello di "riscattare l’immagine della polizia". "Era stato ben compreso sia dal prefetto Andreatti che da tutti gli altri protagonisti delle riunioni preparatorie dell’irruzione, tenutesi in questura, che l’immagine della polizia doveva essere riscattata - scrive la suprema Corte -, essendo apparsa inerte di fronte ai gravissimi fatti di devastazione e saccheggio che avevano riguardato la città di Genova e il 'riscatto' sarebbe dovuto avvenire mediante l'effettuazione di arresti, ovviamente dove sussistenti i presupposti di legge". Quell'operazione è poi degenerata in un vero e proprio blitz "militare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fdrebin

    03 Ottobre 2012 - 16:04

    Cari kayak, blackindustry e compagni di merende, se non la capite, fatevela spiegare con parole semplici alla vostra portata. Quando la capirete vi si aprirà un mondo

    Report

    Rispondi

  • testin della cazzetta

    03 Ottobre 2012 - 15:03

    ...non fare così capretta fascista che mi fai tanta paura....ma non mi dovevi far identificare dalle scimmiette in divisa amiche tue? Questa sentenza fa schifo per due motivi: troppo pochi i condannati e troppo lievi le pene...

    Report

    Rispondi

  • kayak65

    03 Ottobre 2012 - 13:01

    getta discredito sull'italia.e non solo per questa sentenza dove chi rompe e sfascia e'assolto e chi cerca di contenere questi delinquenti paga con disonore.intanto perche' le scorte ai magistrati sono fatte da poliziotti e carabinieri e non da black block,dato che sono piu' affidabili?come dire vi getto fango addosso ma vi voglio a mia protezione.vigliacchi!inoltre come da un dato statistico un giudice lavora in media 2 ore e mezzo al giorno,con stipendi da nababbi quindi dov'e' la parte marcia d'italia?veniamo spesso multati perche' i tempi dei processi sono bibblici e le carceri sono colme di gente da giudicare,mentre gip,gup e giudice di ogni forma passa tempo in ospitate tv o a incontri di partito,allora e' la polizia che rende oltraggio all'italia o e' questa casta di intoccabili che non paga nemmeno quando sbaglia?ricordatevi che piu' di un quarto del parlamento e' composto da ex magistrati,giusto per avere alti privilegi,altro che la difesa dell'onore del ns paese

    Report

    Rispondi

  • kayak65

    03 Ottobre 2012 - 12:12

    reca discredito all'italia!non solo per il caso in oggetto ma anche per i tempi dei processi bibblici per cui l'europa ci condanna a pagare per questo "reato".se e' vero come da un dato statistico che un magistrato lavora 2 ore e mezzo al giorno,e' chiaro dove sta la parte marcia dell'italia, aggiungendoci poi le migliaia di inchieste assurde e strumentalizzate buone solo a spendere i ns soldi.mettiamoci inoltre pm,gup,giudici di ogni forma che passano piu' tempo nei forum o peggio in tv,lasciando inchieste negli armadi con sentenze che dopo anni non arrivano e che quindi vanno in prescrizione, beh vedete voi chi rovina la nostra reputazione.considerate infine che i magistrati sono l'unica casta che non paga quando sbaglia,al loro posto pagano i cittadini.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog