Cerca

Follie da crisi

Imprenditore anti-Monti
sulla cupola di San Pietro

A 135 metri d'altezza ha srotolato uno striscione contro il premier e l'Europa. Aveva già scalato il cupolone nello scorso luglio

Imprenditore anti-Monti
sulla cupola di San Pietro

Si è arrampicato sulla cupola della chiesa più famosa del mondo, San Pietro, e da lì ha srotolato uno striscione di protesta con scritto "basta Monti, basta Europa, basta multinazionali". E lì ha passato tutta la notte, a 130 metri d'altezza. Si tratta di un imprenditore balneare triestino di 47 anni, Marcello Di Finizio. Nella basilica si è introdotto come un qualsiasi turista. La strada per salire sulla cupola la conosceva già, visto che vi si era già arrampicato lo scorso 30 luglio. Sul posto è intervenuta la gendarmeria vaticana per cercare di convincerlo a desistere dalla pericolosa protesta, legata semplicemente alla direttiva europea sulle concessioni balneari (la direttiva Bolkenstein), come lo scorsa estate. Il 26 marzo, lo stesso Di Finizio s'era arrampicato su una gru a Trieste, a 80 metri di altezza, e ne era sceso quattro giorni dopo. Immagine surreale mercoledì mattina: mentre Di Finizio era ancora accampato sul cupolone, evidentemente stanco (ha anche barcollato, facendo temere la gendarmeria per la sua incolumità), Papa Benedetto XVI forse ignaro della protesta ha attraversato piazza San Pietro sulla papamobile.

città del vaticano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dbell56

    03 Ottobre 2012 - 15:03

    Marcello Di Finizio SEI TUTTI NOI!! Onore a te e alla tua battaglia contro l'Europa dei poteri oscuri ma non dei popoli.

    Report

    Rispondi

  • PaoloVictory

    03 Ottobre 2012 - 13:01

    ...che questa sia una protesta che vada a buon fine, e che non abbia ripercussioni sullo stato d'animo di questa persona. Anch'io sono con Voi a sollecitare il nostro poco bene amato Stato italiano per risolvere ANCHE questa questione. La cosa migliore sarebbe di incatenarci TUTTI davanti ai ministeri, al parlamento, ecc. per non far entrare a "lavorare" questa politica che tanto ci toglie per goderne loro stessi. ART. 1 L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. MA DI CHI??? Purtroppo, poi, il Sig. DiFinizio ha manifestato il suo dissenso platealmente ed in un altro Stato (Vaticano); speriamo non ne abbia di contro per questo!

    Report

    Rispondi

  • rexrixray

    03 Ottobre 2012 - 12:12

    Grandissimo! Sono con te, hai avuto il coraggio. Se salissimo tutti sui cornicioni degli enti di questo stato ostaggio dell'Europa e dell'Euro e dei massoni, allora bloccheremmo tutto davvero. Basta rovinarci la vita! BASTA!

    Report

    Rispondi

  • 654321

    03 Ottobre 2012 - 10:10

    Forse dovremmo trarne esempio!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog