Cerca

Violenza a Pescara

Minorenne albanese stupra la sua educatrice e accoltella carabinieri: arrestato

In casa di recupero per una rapina, 15enne si sente male e chiede di essere portato al parco, dove violenta l'assistente sociale

A chiamare i militari  un collega della donna. Il giovane albanese tenta la fuga e poi aggredisce i carabinieri armato di coltello
Minorenne albanese stupra la sua educatrice e accoltella carabinieri: arrestato

 

Porta la sua educatrice in un parco, la picchia, la violenta e poi, armato di coltello, prova a sottrarsi all'arresto. Protagonista della vicenda un minorenne albanese già sottoposto per rapina a misura cautelare in comunità. Ora però la Procura Minorile lo chiude nel carcere minorile dell'Aquila.

Lo stupro al parco - Il ragazzo (15 anni) lamenta di non sentirsi bene e chiede alla sua assistente sociale di accompagnarlo in un parco per una paseggiata salutare. Arrivati all'oasi naturalistica di Penne, nel pescarese, il minore fa subito avances sessuali all'educatrice. Rifiutato, la violenta all'interno dello stesso veicolo e la intimidisce affinché non riveli il fatto.

Resistenze all'arma bianca - Al rientro alla comunità, il minore trova ad aspettarlo i carabinieri, chiamati da un altro educatore insospettito dal ritardo della collega. Il 15enne albanese, forse sotto l'effetto di droghe, tenta prima la fuga e poi ingaggia, coltello alla mano, una colluttazione con i militari. Per arrestarlo è necessario l'intervento di una seconda pattuglia.

Le conseguenze - Contro il ragazzo ora ci sono le accuse di violenza sessuale, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Il furgone, il coltello e gli abiti sia del giovane che dell'educatrice sono stati sequestrati. Alla donna, portata all'ospedale di Penne, sono stati riscontrati, oltra la violenza sessuale, lesioni traumatiche e contusive. Per due dei carabinieri coinvolti nella colluttazione con il 15enne ferite lievi.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    05 Ottobre 2012 - 10:10

    Ma come ? Parli di bastonate e di galera proprio tu che appartieni al partito del "volemose bene" e del "facciamo entrare tutti" così poi li facciamo votare per noi ? Guarda che se ti sentono i tuoi capoccioni ti tolgono subito la tessera di sinistrato e poi resti orfano, o meglio, resti senza acqua per nuotare. Pentiti, chiedi perdono e non farlo più se vuoi salvarti.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    05 Ottobre 2012 - 10:10

    Ma come ? Parli di bastonate e di galera proprio tu che appartieni al partito del "volemose bene" e del "facciamo entrare tutti" così poi li facciamo votare per noi ? Guarda che se ti sentono i tuoi capoccioni ti tolgono subito la tessera di sinistrato e poi resti orfano, o meglio, resti senza acqua per nuotare. Pentiti, chiedi perdono e non farlo più se vuoi salvarti.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    04 Ottobre 2012 - 14:02

    quando andiamo a votare e quando ci sfiora la malsana idea di sostenere associazioni, partiti, politici e organizzazioni varie che vorrebbero aprire porte e portoni a tutta la marmaglia migrante e morta di fame del globo! Con esseri come vendola e bersani 'sta feccia migrante la andremo a prendere nei loro paesacci coi voli di linea e poi tutto pagato!

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    04 Ottobre 2012 - 13:01

    bisogna urgentemente legiferare per espellere gli stranieri che si macchiano di un qualunque reato, lieve o meno. Non esiste che dobbiamo tenerci tutta questa m***a selvaggia,rozza,inutile ed efferati criminali vari ed eventuali. Elementi come questo quindicenne hanno già la strada segnata,sono irrecuperabili. Altro che pene alternative e scempiaggini buoniste.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog